FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Porquerolles, la più bella delle Isole d’Oro

Un arcipelago davanti alle coste della Provenza: grandi spiagge di sabbia finissima e mare turchese

Porquerolles – un piccolo Eden incontaminato - è la più grane e affascinante dell’arcipelago d’Oro in Provenza, sulla costa francese. Qui il rispetto della natura è totale, tant’è che vi sono bandite le auto.

Porquerolles, la più bella delle Isole d’Oro

Carica di storia, Porquerolles è oggi il cuore del Parco Nazionale di Port-Cros, che ne protegge le ricchezze naturali e culturali. L'isola si percorre unicamente a piedi o in bici su più di 60 chilometri di strade, piste e sentieri segnalati. Le grandi spiagge di sabbia finissima situate al nord ne fanno una delle zone balneari più ambite del Mediterraneo.

Spiagge “al naturale” - Le spiagge di Porquerolles della costa nord sono caratterizzate da sabbia fine e da acque azzurre e purissime. Sono lidi “al naturale” senza servizi o chioschi come la bellissima Plage Notre Dame: l’unica che ospita un bar è la Plage d’Argent. A sud sono più scoscese e rocciose ma formano delle calette veramente suggestive.

La grande pop art a Porquerolles – A Porquerolles è stato aperto nel 2018 il Museo d'arte moderna della Fondazione Carmignac, dal nome del suo patron Edouard Carmignac, grande collezionista d’arte contemporanea. Con un forte nucleo tematico incentrato sulla Pop Art americana e sulla pittura tedesca, la collezione è costituita da quasi 300 opere, tra cui alcune delle creazioni più rappresentative di Andy Warhol, Jean-Michel Basquiat, Roy Lichtenstein, Gerhard Richter, Andreas Gursky, Keith Haring e Martial Raysse, nonché di altri giovani artisti di talento.

L'Arcipelago delle Isole d'oro - Porquerolles con Il Levante, Port-Cros e Giens forma uno degli arcipelaghi più interessanti e affascinanti del Mediterraneo, quello delle Isole d’Oro, di cui è la località turistica più conosciuta. Giens è collegata oggi al continente attraverso un doppio cordone sabbioso, che racchiude le saline e lo stagno dei Pesquiers. Le saline di Hyères sono di grande interesse naturalistico e paesaggistico. Veri e propri monumenti naturali, vi si possono osservare molte specie di uccelli migratori e stanziali: oltre ai fenicotteri rosa che vivono in importanti colonie, sono censite circa 260 specie di uccelli, tra cui il puffin, l’avocetta elegante, il piviere, l’airone. Giens e la penisola possiedono anche tre porti tipici: la Madrague, piccolo porto tradizionale mediterraneo di pescatori; il porto di Niel protetto dal suo incavo e sovrastato da pini ombreggianti; la Tour Fondue dove partono i traghetti per Porquerolles.

Per maggiori informazioni: www.france.fr

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali