FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Pantelleria, un eden nel cuore del Mediterraneo

Una breve guida a questo paradiso tra Italia e Tunisia contesissimo fin dal tempo dei Romani

“Bent el-Riah”, figlia del vento, così i navigatori arabi chiamarono l’isola di Pantelleria, che sorge al centro del Mediterraneo, quasi equidistante da Italia e Tunisia e che offre paesaggi di bellezza assoluta, come lo Specchio di Venere o il Laghetto delle Ondine.

Pantelleria, un eden nel cuore del Mediterraneo

Una breve guida a questo paradiso tra Italia e Tunisia conteso fin dal tempo dei romani

leggi tutto

Abitata da tempi remoti, Pantelleria, punteggiata di antichi dammusi, le caratteristiche abitazioni dalla candida cupola, sparsi nell’arsura quieta della terra scura e punteggiata dal verde intenso di capperi e viti; i muretti in pietra a secco colorati da cascate di bouganville; le fresche grotte e i sentieri sterrati, profumati di mirto.

Scoprila in barca - E sono molti i modi con cui si può conoscere Pantelleria: suggestivo scoprirla dal mare, a bordo di una tipica imbarcazione locale, il gozzo pantesco, raggiungendo calette nascoste dove l’acqua si colora di incredibili tonalità d’azzurro; è altrettanto piacevole conoscerla sulle due ruote, scegliendo l’itinerario che parte dal borgo omonimo, maggiore centro dell’isola, e punta a Est, verso Campobello.

Una "sauna naturale " - Salendo verso Bugeber si arriva all’incantevole Specchio di Venere un laghetto interno dalla forma somigliante a un cuore. Si scende poi verso Punta Spadillo per un altro “magico” luogo d’acqua, il Laghetto delle Ondine; si prosegue poi verso Cala Gadir col le sue sorgenti termali calde, arrivando fino a Cala Levante e il colossale Arco dell’Elefante. Dopo Tracino e l’Altopiano di Mueggen, regno della vite, si continua verso la Montagna Grande, dove esiste una “sauna naturale”; si torna quindi verso la costa, con Scauri e il suo porto, e si risale in direzione Punta Fram, dalle coste nere e frastagliate, proseguendo verso Mursia, per una sosta all’Acropoli di San Marco; il borgo di Pantelleria ora non è che a un passo.

Lo Specchio di Venere - Il mito, a Pantelleria, si respira in ogni angolo, anche al Bagno dell’Acqua, chiamato comunemente Specchio di Venere. Secondo la leggenda, la Dea dell’amore, prima dei suoi incontri con Bacco, aveva l’abitudine di specchiarsi nel meraviglioso laghetto tra le colline. La sua acqua azzurrissima, la cui temperatura non scende praticamente mai al di sotto dei 30°C, proviene da sorgenti termali, e i fanghi reperibili sulle sue sponde posseggono interessanti virtù terapeutiche.

Tesori archeologici - L’isola è ricca di reperti archeologici, terresti e marini. Fra i primi, da visitare è l'Acropoli di San Marco, il villaggio preistorico di Mursia e la necropoli del misterioso popolo dei Sesi, il Santuario punico-romano presso lo Specchio di Venere, i villaggi e cimiteri bizantini a Khamma, Ghirlanda, Monastero... Fra i tesori nell’acqua, notevole l’area vicina a Cala Gadir, dove sono stati individuati una serie di reperti risalenti all'epoca Punico-Romana; nella zona del porto di Scauri è stato invece individuato il relitto di un'imbarcazione risalente al VII-VIII secolo a.C., sul cui fondo sono state rinvenute numerosi oggetti in ceramica di uso quotidiano.

Capperi e vini, vanto dell’isola - Le storiche colture di vigneto e cappero hanno una fondamentale importanza nell’economia pantesca. Spesso coltivati sui terrazzamenti delimitati da muretti a secco, presentano entrambi piantine curiosamente basse, per contrastare l’onnipresente vento. Il bel fiore del cappero arriva raramente a sbocciare: sono infatti raccolti, da maggio a settembre, i bottoni ancora chiusi, che conservati sott’olio o sotto sale, e gratificati dal marchio I.G.P., saranno poi esportati in tutto il mondo. Altro vanto dell’isola è il Moscato Passito, ricavato dall’uva zibibbo, da cui si ottiene anche la pregiata uva passa varietà Malaga.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali