Da Boccaccio a Kennedy, tutti sedotti da Ravello