FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Facebook, in 50 anni gli utenti morti potrebbero superare i vivi

Il calcolo è frutto di una ricerca dellʼOxford Internet Institute: nel 2100 almeno 1,4 miliardi di utenti potrebbe essere deceduti

Facebook, in 50 anni gli utenti morti potrebbero superare i vivi

Al momento è solo una ipotesi, e molti sono i "se" a riguardo, tuttavia è possibile che, entro 50 anni, gli utenti morti su Facebook potrebbero superare quelli vivi. Il calcolo è frutto di una ricerca dell'Oxford Internet Institute. Nel 2100, spiegano i ricercatori, se il social network non attrarrà più iscritti e quindi non ci sarà un ricambio, almeno 1,4 miliardi di utenti saranno morti.

Il 2070, secondo l'Oxford Internet Institute, sarebbe l'anno di non ritorno, quello in cui gli utenti morti su Facebook saranno più numerosi di quelli vivi. Attualmente la piattaforma fondata nel 2004 da Mark Zuckerberg ha 2,2 miliardi di utenti e registra una disaffezione da parte dei più giovani ma non un calo vistoso.

Lo studio descrive anche un altro scenario, forse più in linea con la realtà, quello in cui gli utenti continueranno ad aumentare del 13% di anno in anno: in questo caso per i ricercatori dell'Oxford Internet Institute ci saranno 4,9 miliardi di utenti morti entro il 2100. Gli autori dello studio affermano quindi che "il vero numero quasi certamente è a metà dei due scenari".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali