FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Addio a Gianni Boncompagni, Raffaella Carrà: "Mi porterò dietro lʼuomo"

Tanti gli amici alla camera ardente allestita nella sede Rai di via Asiago: da Ambra Angiolini a Renzo Arbore

A varcare la soglia della camera ardente allestita nella sede Rai di via Asiago per dare l'ultimo saluto a Gianni Boncompagni le prime sono state Raffaella Carrà e Ambra Angiolini, le donne più "importanti" del padre della Radio e della tv. "Il sodalizio artistico va bene, sono contenta dei complimenti che gli hanno fatto, ma io ho potuto vivere con lui e godermi Gianni in casa sua con le sue tre figliole. Mi porterò dietro l'uomo", ha detto in lacrime la Carrà.

Gianni Boncompagni, amici e colleghi alla camera ardente

"Gianni se n'è andato piano piano - ha proseguito - ha avuto un coraggio da leone, è stato molto sereno. Abbiamo potuto ancora ridere e scherzare, abbracciarlo e dargli tanti bacini fino all'ultimo prima di lasciarlo andare".

"Oggi è una giornata tristissima", ha detto Renzo Arbore tra i primi ad arrivare con Marisa Laurito, Benedicta e Brigitta Boccoli, Alba Parietti, Riccardo Rossi, e Nino Frassica. "Gianni Boncompagni rappresenta un pezzo della mia vita, una storia d'amore romantica - è il pensiero di Isabella Ferrari - E' stato un genio anticonformista che ho avuto il privilegio di incontrare, a 17 anni (per il programma tv Sotto le stelle, ndr): a quell'età, se si incontra una personalità di tale portata, si può solo crescere dal punto di vista professionale. E' stato un uomo di grande genialità che ha fatto la storia di radio e televisione".

Barbara Boncompagni, una delle tre figlie, fermandosi brevemente con i giornalisti ha ricordato: "Oggi papà è tornato a casa, non ci poteva essere luogo più perfetto di questo per salutarlo".

"Che ci avessi preparato un ottimo scherzo per Pasqua non c'erano dubbi: solo tu potevi rubare la scena a Cristo. Grazie nonno, per tutto quello che ci hai insegnato, per averci dato nostra madre, tua figlia, e soprattutto per averci insegnato a scherzare". "Per me sei stato un idolo, un re. Ti voglio bene e rimarrai sempre nella mia anima". Così Mattia e Brando, nipoti di Gianni Boncompagni, nel corso della cerimonia funebre.

I due giovani sono stati preceduti dal commosso intervento di Renzo Arbore, amico e compagno di tante scorribande televisive e radiofoniche di Boncompagni. "Ho chiamato Mario Marenco che vive all'estero per avvertirlo della scomparsa di Gianni - ha rivelato Arbore - ma lui mi ha freddato dicendomi subito: 'quando lo raggiungiamo tutti e quattro?'".

"Per me e' difficile piangere un amico - ha detto Roberto D'Agostino - anche se io per Gianni provavo davvero soggezione: ti poteva fulminare in tre secondi con una battuta. Quando lo vidi la prima volta stavano registrando Bandiera Gialla. Avevo 17 anni e lui 15 anni più di me. Entrai in quello studio e la mia vita cambiò per sempre". "Gianni aveva una sua capacità - ha proseguito D'Agostino - di vedere il mondo. Ad esempio odiava le 'marchette'. Un giorno a Domenica In doveva essere presentato un cinepanettone con De Sica e Banfi. Lui ordinò dalla camera di regia a tutti i cameraman di puntare le telecamere sul soffitto dello studio invece che sui due attori. Banfi s'infuriò e cominciò a girare per la Dear arrabbiatissimo. Gianni si salvò dalla sua ira solo perché si era chiuso in cabina di regia". Infine, "il ricordo piu' forte che ho di Gianni - ha concluso D'Agostino - sono le sue cene di surgelati che io chiamavo 'bombe epatiche': aveva riempito la casa di frigoriferi e congelava pure l'acqua".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali

OGGI SU PEOPLE