FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Torna "I want to like you but I find it difficult", pluralità di generi e linguaggi musicali per la rassegna alla Fondazione Prada

Seconda edizione a Milano con tre appuntamenti in programma giovedì 16 maggio, venerdì 14 giugno e venerdì 27 settembre. Tra i protagonisti Biosphere, Colleen, Floating Points e Ben UFO

Torna "I want to like you but I find it difficult", pluralità di generi e linguaggi musicali per la rassegna alla Fondazione Prada

Fondazione Prada presenta per il secondo anno una serie di eventi musicali a Milano intitolati "I want to like you but I find it difficult". Il progetto è concepito come una serie di tre appuntamenti in programma giovedì 16 maggio, venerdì 14 giugno e venerdì 27 settembre come un tentativo di esplorare una pluralità di generi e linguaggi musicali ospitando artisti internazionali come Biosphere, Colleen, Floating Points, Helena Hauff, Maarja Nuut & Ruum, Pole, Ben UFO e Craig Richards.

Partendo da una visione personale, sviluppata da Craig Richards, gli artisti selezionati per le tre line-up intende avvicinare pubblici diversi alla vocazione della Fondazione Prada, dimostrando che la cultura è tanto coinvolgente e attrattiva quanto utile e necessaria. Il programma, ideato come un’intensa esperienza culturale, è aperto alle contaminazioni e propone dialoghi inaspettati tra artisti affermati ed emergenti.

Come afferma Craig Richards: "L’idea chiave di questo progetto è contenuta nel suo titolo. La nozione di giudicare, assimilare e comprendere la musica, la forza dei preconcetti, la persona che la suona, il formato, l’ambiente e l’impianto sonoro che la trasmette, lo spazio mentale del momento, il giorno o la notte... Tutti questi fattori contribuiscono a creare il nostro rapporto con la musica. Il punto di partenza del mio progetto curatoriale è la convinzione che questo linguaggio possa essere stimolante, impegnativo, provocatorio, bellissimo e perfino scomodo. Ogni evento è potenzialmente in grado di ispirare o irritare. Come suggerisce il titolo, ogni performance è stata scelta per esplorare l’indescrivibile forza della musica, al di là di piacere o meno".

Il primo appuntamento del 16 maggio include le performance dal vivo di Maarja Nuut & Ruum, cantante e violinista estone conosciuta per le sue performance ipnotiche e di Stefan Betke, in arte Pole, da oltre vent’anni protagonista della musica elettronica astratta. Nella line-up anche i dj set di Helena Hauff, artista tedesca dalle sonorità oscure e a tratti inquietanti, e lo stesso curatore della rassegna, il noto dj e produttore musicale inglese Craig Richards.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali