FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Marco Carta, la Procura impugna la mancata convalida dellʼarresto del cantante

Il cantante vincitore di Sanremo nel 2009 era stato bloccato dalla polizia a Milano per un furto di sei magliette dal valore complessivo di 1.200 euro

Nuovi sviluppi nella vicenda che vede protagonista Marco Carta bloccato dalla polizia locale mentre usciva con una donna dalla Rinascente di Milano il 31 maggio, per un furto di sei magliette dal valore complessivo di 1.200 euro alle quali erano state staccate le etichette antitaccheggio. Il pm di Milano Nicola Rossato ha firmato il ricorso in Cassazione contro la mancata convalida dell'arresto da parte del giudice Stefano Caramellino nei confronti del cantante.

Dopo una notte ai domiciliari il giudice non aveva convalidato l'arresto del cantante, perché ad avere la refurtiva era la sua accompagnatrice, la 53enne Fabiana Muscas.

Il giudice Caramellino nel suo provvedimento aveva ritenuto che gli "elementi di sospetto sono del tutto eterei, inconsistenti" e che la "versione degli imputati non è allo stato scalfita da alcun elemento probatorio contrario". Inoltre nel provvedimento aveva parlato di "carenza di gravità indiziaria" per Carta, e di un arresto che "non può ritenersi legittimo".

I due sono in attesa del processo per direttissima fissato per settembre. Marco Carta, alla presentazione del suo nuovo album "Bagagli leggeri" e del libro "Libero di amare", è tornato a parlare del suo arresto (non convalidato): "Non ero conscio di quanto stava accadendo, sennò mi sarei dissociato o l'avrei impedito. Per il processo a settembre sono tranquillo, anzi, non vedo l'ora".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali

OGGI SU PEOPLE