FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Madonna, il video di "Like A Prayer" 30 anni dopo è ancora controverso

La cantante ha celebrato il video che fu oggetto di censure e critiche feroci per il suo tema religioso

Madonna, il video di "Like A Prayer" 30 anni dopo è ancora controverso

Era il marzo del 1989 quando Madonna pubblicava il video di "Like A Prayer", primo singolo dall'album omonimo. Una canzone e un video che hanno fatto storia per il loro essere censurati dopo le vibranti proteste di gruppi religiosi che lo consideravano blasfemo. Madonna ha fatto un post su Instagram per celebrare l'anniversario. "Questo video creò molte polemiche - ha scritto -. Buon compleanno a me e alle polemiche".

Un bacio con un santo di colore, un balletto in sottoveste di fronte a una serie di croci in fiamme. Quando uscì il video di "Like A Prayer" sollevò un vespaio, al punto che lo spot per la Pepsi che ne conteneva estratti venne ritirato ben presto. Il singolo e il video furono un po' lo snodo fondamentale di un momento complicato per Madonna: reduce dal naufragio del suo matrimonio con Sean Penn, con "Like A Prayer" puntò a un rinnovamento anche stilistico e musicale, cercando un approccio più adulto, come denotano gli inserti gospel nel brano. 

Nel suo post Instagram Madonna ha anche spiegato che avrebbe voluto pubblicarlo il giorno prima ma... è era bloccato! "Che provocazione!" ha commentato con una faccina ridente. Evidentemente, dopo tanti anni, il video di "Like A Prayer" crea ancora qualche problema a qualcuno...

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali

OGGI SU PEOPLE