FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Katy Perry giudicata colpevole di plagio per "Dark Horse"

Per un tribunale americano è copiata da un brano scritto dal rapper cristiano Marcus "Flame" Gray

Katy Perry giudicata colpevole di plagio per "Dark Horse"

Un tribunale di Los Angeles ha stabilito che Katy Perry ha copiato la sua canzone del 2014 "Dark Horse" da "Joyful Noise" del rapper cristiano Marcus "Flame" Gray. Durante il processo la pop star aveva fermamente negato l'accusa di plagio dichiarando di non aver mai sentito l'altro brano che risale al 2009. "Dark Horse", contenuta nel quarto disco "Prism", è una delle sue canzoni di maggior successo.

La causa era stata intentata da Flame nel 2014. Il tribunale dovrà ora decidere l’entità dei danni che Katy Perry dovrà versare.

In aula gli avvocati della star avevano descritto il ritmo di entrambe le canzoni come molto "comune", sostenendo che per questo motivo Flame non avrebbe potuto rivendicarne i diritti. Ma i legali del rapper hanno controbattuto sostenendo che Katy avrebbe invece "copiato una parte importante" del brano.

Quello di "Dark Horse" è stato il primo video di una canzone di una musicista donna a raggiungere un miliardo di visualizzazioni su YouTube. Il brano, secondo singolo più venduto del 2014, era anche stato cantato dall’artista al Super Bowl nel 2015.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali

OGGI SU PEOPLE