FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Con Vasco a San Siro si fa la storia: "Ai miei concerti per fuggire da questi tempi duri"

Si apre la serie record di 6 show nello stadio milanese. Il rocker presenta un concerto di tre ore tra passato e presene. Tgcom24 lo ha incontrato

Con Vasco a San Siro si fa la storia: "Ai miei concerti per fuggire da questi tempi duri"

Musica per fuggire via, per scappare da un mondo sempre più brutto. "Questo è il concetto che sta dietro a tutto, dietro a ogni mio concerto”, spiega Vasco Rossi alla conferenza stampa per presentare i sei live allo stadio di San Siro di Milano. Primo brano in scaletta è "Qui si fa la storia" perché, spiega il rocker di Zocca, come recita la canzone, "la disperazione è già qui, c'è solo un modo che io conosco, la disperazione la soffochi con me".

Musica come terapia, musica che consola, musica che porta conforto... per sé e per il pubblico. Stadio di San Siro "commissionato" per 15 giorni e per 6 concerti, l'1,2,6,7, 11 e 12 giugno: "Non era mai successo, nessuno li aveva mai fatti prima, nemmeno Vasco", scherza il rocker, che non ha perso grinta ed energia. "Prima solo le star straniere riempivano gli stadi. A San Siro nel 1990 io feci 75mila persone, Madonna 40mila”. Uno show di 29 canzoni e 29.ma volta sul palco di San Siro (il 12 giugno festeggerà questo traguardo).

Un Vasco da record. Riflessivo, ironico, potente ed emozionante. Come la sua musica. Come i suoi concerti. Mozzafiato. "Una scaletta che spacca, dura e pura", dice. Dura perchè "questi sono tempi duri". Pura come la purezza che lui mette nelle canzoni: "Sono e resto puro, perché quando scrivo sono onesto e sincero. Scrivo perché ho bisogno di comunicare. Lascio venire fuori le cose che ho dentro, quello che sento. Confesso le mie fragilità e le debolezze che non confiderei nemmeno a un amico. Nelle canzoni ti devi spogliare nudo se vuoi guadagnarti l'onore di stare sul palco". E lui questo onore se l'è conquistato sin dall'inizio perchè è riuscito in quello che è in fondo l'intento della musica: creare un'onda emotiva tra pubblico e artista, comunicare sensazioni ed emozioni che la gente possa sentire come proprie.

Nella scaletta al secondo posto ci sarà "Mi si escludeva", attuale come non mai: “Se pensiamo al tema dell'integrazione. Vedo politici che cavalcano la paura della gente, anzi la alimentano. Non è bello. La migrazione bisogna trattarla con umanità e cercare di capire le esigenze di tutti" spiega Vasco, che ammette di essersi sentito escluso in molte occasioni e ricordando i suoi esordi dice: “Quando ho cominciato a cantare mi additavano persino per strada... Ero uno da evitare.” E poi "Buoni e cattivi", "La verità", che il rocker definisce "la canzone di quest'anno perché in tanti la sparano grossa e fanno passare quello che vogliono per verità" e quindi "Quante volte", che non cantava da anni. "Niente medley e autocelebrazioni, saranno due ore e mezza di concerto filato".

Non poteva mancare una digressione su un tema di attualità come la cannabis: ”Non bisogna considerarla uno stupefacente. Di marijuana non è mai morto nessuno...”. Poi scherza e dice: “E adesso scusate vado a farmi una canna...”. Il mood di quest'anno sarà il punk rock: "Ho recuperato alcuni capolavori degli anni 80, il passato remoto, perché io sono qui da allora, quasi 40 anni e sono ancora vivo vegeto e sto bene", dice Vasco, che aggiunge: “Oggi la disperazione è più cupa che negli anni 80...”. Quindi largo alla musica: "Noi musicanti siamo qui per diffondere gioia, non per cambiare il mondo, ma l’umore di una giornata, far dimenticare per qualche ora i guai del quotidiano.". E San Siro, per sei giorni, scoppierà di gioia.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali

OGGI SU PEOPLE