FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

SOS Memoria

Brera si (e ci) interroga su come perpetuare il ricordo della Shoà

Anche quest’anno l’Accademia di Brera ha dedicato una finestra del suo programma alla Giornata della Memoria dello scorso 27 Gennaio.  Il Professor Stefano Pizzi e la Professoressa Barbara Nahmad hanno curato l’organizzazione di SOS Memoria, la Shoà e il ricordo oggi un evento svoltosi presso l’Ex Chiesa di San Carpoforo nel quartiere Braidense di Milano, già teatro di numerose iniziative dell’Accademia. 

Lo spirito che ha animato l’incontro era naturalmente quello di omaggiare la memoria delle vittime della Shoà, ma soprattutto interrogarsi su uno dei temi più dirompenti del nostro presente: 
Come perpetuare la memoria dell’Olocausto attraverso una modalità di comunicazione che non sia meramente ripetitiva, ma che continui, invece, ad essere accolta dalla società come uno spunto di riflessione e di insegnamento? Che tipo di divulgazione è oggi necessaria per non svuotare il Giorno della memoria del suo significato?

Da queste riflessioni si è aperta la prima parte dell’incontro, una tavola rotonda che ha visto la partecipazione di Semi Barissever, direttore creativo esecutivo di Remembering Auschwitz e Forgetting Auschwitz, David Bidussa, storico e saggista della Fondazione Giangiacomo Feltrinelli, Miriam Camerini, regista teatrale di diverse performance di teatro ebraico, e Ruggero Gabbai, regista de La Razzia

A seguire, la performance musicale Caffè Odessa, una composizione di musiche ebraiche brillantemente interpretate da Miriam Camerini, Manuel Buda, Bruna di Virgilio e Arturo Garra. 

Una tematica di grande attualità come quella proposta con “SOS Memoria, la Shoà e il ricordo oggi” richiederebbe ulteriori spazi e approfondimenti. Ciò che comunque evince dall’incontro è che la volontà di adoperarsi affinché il ricordo dell’Olocausto non cada nella ricorrenza abitudinaria oggi c’è e si sta coltivando, con l’obiettivo di diffondere in misura sempre maggiore la sensibilità necessaria a farsi carico di questa “memoria” con la giusta dignità e consapevolezza.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali