FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Vaccini, il Cdm approva il decreto sullʼobbligo a scuola: multe fino a 7.500 euro e sospensione potestà

Chi trasgredisce non potrà accedere allʼiscrizione ad asili nido e scuole materne. Lorenzin: "Controlli ogni anno sulla copertura". Alle quattro vaccinazioni già obbligatorie se ne aggiungono altre otto

Via libera del Cdm al decreto che reintroduce l'obbligatorietà delle vaccinazioni per l'iscrizione ad asili nido e scuole materne, ovvero nella fascia d'età 0-6 anni. L'obbligo riguarderà, con modalità diverse, anche elementari, scuole medie e primi due anni delle superiori, cioè fino ai 16 anni. In questo caso non si prevede il divieto di iscrizione a scuola, ma sanzioni salate per i genitori, fino a 7.500 euro, o la sospensione della potestà genitoriale.


Chi non vaccinerà i figli rischia una multa da 500 a 7.500 euro. Ma non finisce qui, il genitore o l'esercente la potestà genitoriale sul minore che violi l'obbligo di vaccinazione "è segnalato dalla ASL al Tribunale dei Minorenni per la sospensione della potestà genitoriale". Le misure del decreto, afferma il ministero della Salute, entrano in vigore dal prossimo anno scolastico. "Per la scuola dell'obbligo - ha spiegato il presidente del Consiglio, Gentiloni - la mancanza di documentazione sui vaccini produrrà da parte dell'autorità scolastica sanzioni dalle dieci alle trenta volte maggiori di quelle esistenti".

Diventano 12 le vaccinazioni obbligatorie - A diventare obbligatorie, a partire da settembre, sono 12 vaccinazioni: le 4 già obbligatorie (antidifterica, antitetanica, antipoliomelitica e antiepatite virale B) alle quali si aggiungono anti-pertosse, anti-meningococco B e C, anti-morbillo, anti-rosolia, anti-parotite, anti-varicella e il vaccino contro l'Aemophilus influenzae.

Gentiloni: "Rispondiamo a una situazione preoccupante" - Ringraziando i tre ministri che insieme hanno lavorato al decreto, Beatrice Lorenzin, Valeria Fedeli e Maria Elena Boschi, il premier ha sottolineato che la decisione di arrivare al decreto è stata presa "perché ci troviamo di fronte alla constatazione del fatto che nel corso degli anni la mancanza di misure appropriate e il diffondersi soprattutto negli ultimi mesi di comportamenti e teorie antiscientifiche ha provocato un abbassamento dei livelli di protezione. Non si tratta di uno stato di emergenza, ma di una preoccupazione alla quale il governo intende rispondere".

Le vaccinazioni obbligatorie in Europa

Lorenzin: "Pronti a controlli stringenti" - Da parte sua il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, ha annunciato che vi saranno stringenti controlli sulla copertura vaccinale. "Vogliamo aumentare la copertura vaccinale in tutto l'arco della vita del ragazzo - ha spiegato - e nel percorso scolastico si interviene per verificare che la copertura sia avvenuta e laddove non lo sia stato per mettere in campo una serie di misure che siano piuttosto stringenti nei confronti della famiglia e che mettano in sicurezza la comunità scolastica".

Così, "la scuola avrà l'obbligo di riferire alla Asl la mancata vaccinazione, l'Asl avrà l'obbligo di chiamare la famiglia e dare dei giorni per vaccinare. Se ciò non avviene c'è una sanzione molto elevata. E il controllo avviene ogni anno, non una tantum".

Di Maio (M5s): "Ben venga decreto se dà massima copertura" - "Noi siamo per la massima copertura vaccinale in questo Paese quindi ben venga se il decreto mira a dare la massima copertura". Così il vice presidente della Camera Luigi Di Maio (M5s). "Il decreto - ha aggiunto - non l'ho ancora letto, bisognerà leggere il testo".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali