FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Influenza, le Regioni aumentano gli ordini di vaccini per scongiurare il rischio di dosi insufficienti

Insieme alle Asl, e su disposizione del ministero della Salute, è scattata la corsa agli acquisti del tetravalente dopo i buchi nella copertura del 2018

Influenza, le Regioni aumentano gli ordini di vaccini per scongiurare il rischio di dosi insufficienti

Le Regioni corrono ai ripari: in vista dell'arrivo della stagione invernale e conseguenti nuovi ceppi influenzali, gli Enti territoriali hanno deciso di aumentare il quantitativo di ordini di vaccini per i medici di base e gli ambulatori delle Asl. Una misura che vuole scongiurare il rischio di fine 2018 quando, a causa di ordini troppo scarsi per risparmiare ed evitare sprechi, le dosi andarono esaurite in molte Regioni ben prima che si concludesse la campagna vaccinale.

Corsa agli ordini - E così quest'anno il pericolo di ritrovarsi con dosi insufficienti ha fatto subito scattare la corsa agli ordini. Insieme alle Asl, e su precisa disposizione del ministero della Salute, le Regioni hanno aumentato gli ordini di tetravalente, il vaccino più completo tra quelli disponibili e anche il più richiesto da circa il 15% della popolazione che abitualmente decide di vaccinarsi. 

Razionamento ed esaurimento - I buchi nella copertura dell'ultima epidemia, infatti, hanno portato a una diversa gestione delle dosi in vista della stagione invernale alle porte. Lo scorso anno si vollero evitare dosi avanzate e spreco di risorse economiche: motivo per cui alle aziende farmaceutiche non vennero commissionate abbastanza dosi. E così Campania, Sardegna ed Emilia Romagna furono prima costrette al razionamento per poi arrivare addirittura all'esaurimento dei vaccini. Con medici di base costretti a rimandare a casa anche bambini e anziani senza averli vaccinati.

Il boom del 2018 - C'è da sottolineare, comunque, che il 2018 è stato un anno particolare, con un vero e proprio boom di richieste e adesioni. Solo nella Regione Lazio, ad esempio, lo scorso anno scelsero di vaccinarsi oltre 30mila persone in più rispetto al 2017. 

La copertura per medici e personale sanitario - Ma il numero di dosi ordinate o le campagne di sensibilizzaizone verso i pazienti, non sono l'unico aspetto degno di nota. Come spiegato dall'epidemiologo Luigi Lopalco al Messaggero, infatti, "il vero problema è incrementare la copertura vaccinale dei medici e del personale sanitario". Per chi opera nelle strutture itanliane, la copertura è solamente il 15% del totale, dato irrisorio rispetto alle medie europee che denota "scarsa sensibilità" e la "tendenza a sottovalutare il rischio di trasmetter el'influenza al proprio paziente", per cui sarebbe utile incentivare il ricorso all'obbligo per medici, infermieri e ostetriche, come avvene in Emilia Romagna, Puglia e Marche.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali