FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

La signorina buonasera, un lavoro che gli italiani non vogliono più fare

TELEBESTIARIO di Francesco Specchia

La signorina buonasera, un lavoro che gli italiani non vogliono più fare

Che fine ha fatto Maria Giovanna Elmi, la fatina maledetta che, a botte di zucchero, ha impennato fino al diabete la mia infanzia? Dov’è finita Nicoletta Orsomando, sorriso materno e in testa una cofana nera che se labatteva solo con Moira Orfei; la Nicoletta, che nel tempo libero, faceva la vice della vice valletta nell’Amico degli animali di Angelo Lombardi?

Chi ha visto più Elisa Silvestrin, delizioso strabismo di Venere, ultimo simbolo d’un tempo perduto in cui i programmi si porgevano educatamente; e non c’era la catch tivvù, e la tele convergente ce la sognavamo, e "digitale" era solo un aggettivo associabile all’impronta d’un pollice? La notizia è passata quasi sotto silenzio.

Ma, dalla prossima settimana, la Rai manda al macero le annunciatrici televisive, un ruolo storico da quando il 3 gennaio 1954,Fulvia Colombo veniva ripresa in diretta con un’inquadratura fissa, entre spiegava agli italiani l’avvento quasi mariano di un pugno di programmi nell’unico palinsesto. Come i commessi della Camera, i fabbri e i notai nell’era del web globalozzato, le signorine Buonasera sono diventate, oramai, anacronismi viventi. Tra l’altro - a parte la Elmi e Silvana Giacobini, direttrice di giornali che pensò bene di cancellare quell’esperienza dal curriculum- il ruolo dell’annunciatrice non ha mai portato veramente fortuna a nessuno. Era un modo per entrare in Rai e galleggiare in un lussuosoanominato. Era come entrare in banca e rimanere allo sportello.

Ricordo con fastidio, poi, il caso di Alessandra Canale (in onore, pare, della zia Gianna Maria, «occhi di pantera», ex attrice di film peplum): la "signorina" che pianse in diretta per non cedere la telecamera al rinnovamento – legittimo - nel 2003; e poi fece causa perché la Rai l’aveva privata del trucco e parrucco, e venne reintergrata nel 2010, in barba ad ogni spending review. E pesco dalla memoria anche gli straordinari momenti in cui, in onore del politicamente corretto e della "parità di genere", la Rai aprì gli annunci in video ai signorini buonasera, anche gay e stranieri. Oggi Antonio Campo Dall’Orto, rimuovendo quest’arcaismo, questa tranche di passato, ha compiuto una rivoluzione antropologica. A meno che a presentare i programmi di Raiuno non ci metta Francesco Merlo...

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali