FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Dl sicurezza, Salvini: "Chiusura alle 21 dei negozi etnici" | Confesercenti: "No a norme discriminatorie"

Secondo il vicepremier è unʼiniziativa per "limitare abusi di certi esercizi che diventano ricettacolo di gente che fa casino"

Durante una diretta Facebook, il ministro dell'Interno, Matteo Salvini, ha annunciato che nel decreto sicurezza sarà presente un emendamento che prevede "la chiusura entro le 21 dei negozietti etnici che diventano ritrovo di spacciatori e di gente che fa casino". Il vicepremier ha però sottolineato che "non è un'iniziativa contro i negozi stranieri ma per limitare abusi di certi negozi che diventano ricettacolo di gente che fa casino".

Confesercenti: "No a norme discriminatorie" - "Non si può fare una norma che discrimina determinati imprenditori rispetto ad altri. Chi ha un'attività commerciale ha diritti e doveri: il dovere di rispettare le regole e il diritto di restare aperti, sia che siano esercizi gestiti da stranieri, sia che siano esercizi gestiti da italiani". Lo ha detto Mauro Bussoni segretario generale della Confesercenti nazionale.

"Società di calcio paghino per l'ordine pubblico" - Durante la diretta Facebook dal tetto del Viminale, Salvini ha annunciato anche un emendamento al decreto sicurezza che riguarda le società di calcio: "Ogni domenica migliaia di unità delle forze dell'ordine sono impegnate a gestire l'ordine pubblico e chi paga? Noi. Chiederemo alle società di calcio di destinare il 5-10% dell'incasso dei biglietti per la gestione dell'ordine pubblico. Non è giusto che siano gli italiani a pagare".

"Passo indietro sulla manovra? Noi acceleriamo" - Sulla manovra "indietro non si torna, se mai acceleriamo, ma manteniamo gli impegni con l'obiettivo di dare speranza e lavoro a giovani e meno giovani", ha precisato il vicepremier. Negli anni scorsi, ha aggiunto, "abbiamo visto già il film: è stato usato lo spread per alzare le tasse e fare massacri sulle pensioni e intanto il debito pubblico è aumentato di 250 miliardi di euro".

"Assunzioni polizia finanziate con 1 mld di tagli ai fondi migranti" - Le 10mila assunzioni nelle forze di polizia verranno finanziate con un miliardo tagliato ai fondi destinati all'accoglienza dei migranti. E' quanto ha detto il ministro dell'Interno ribadendo che non è intenzione del governo tagliare personale nelle questure e nei presidi di polizia. "Qualche giornale ha scritto che stiamo lavorando per togliere forze ordine. Non è così. Le questure italiane avranno più uomini, nessuna città italiana perderà un solo poliziotto e, anzi, ci saranno più uomini". I soldi per assumerli, ha aggiunto Salvini, "li troviamo ad esempio tagliando sulle spese per l'immigrazione e l'accoglienza di un esercito di finti profughi. Spero dunque quest'anno di farvi risparmiare più di un miliardo, che significa 10mila forze dell'ordine in più".

"Legge Fornero è un furto sia per i 60enni che per i giovani" - Salvini è tornato poi ad attaccare la legge Fornero definendola come "un furto per i 60enni e per le generazioni future, perché blocca e ingessa il mondo del lavoro". Quanto ai tempi per andare in pensione con le nuove norme, Salvini non è stato netto: "Non so se parte il primo gennaio o il primo febbraio, tecnicamente le modifiche alla Fornero non lo fai in un quarto d'ora. A me interessa - ha concluso - che il 2019 sia un anno di cambiamento. Non arriverà tutto e subito, non tutti nel 2019 andranno in pensione, troveranno un lavoro, pagheranno meno tasse. Ma si comincerà nel 2019".

"Con ruspa abbatterò villa dei Casamonica" - "E' questione di giorni. Entro ottobre guiderò personalmente la ruspa che abbatterà la villa abusiva dei Casamonica a Roma. Non vedo l'ora di raderla al suolo per restituirla alla comunità". Lo ha detto il vicepremier e ministro dell'Interno, Matteo Salvini, in diretta Facebook dal tetto del Viminale.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali