FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Salvini: "Infrazione? Ho 60 milioni di figli da sfamare" | Beppe Sala: "Non lo voglio nemmeno come zio"

Le dichiarazioni del leader leghista hanno suscitato polemiche e commenti ironici sui social, con lʼhashtag #60milionimenouno che è diventato trend topic su Twitter

Salvini: "Infrazione? Ho 60 milioni di figli da sfamare" | Beppe Sala: "Non lo voglio nemmeno come zio"

"Se dopo 15 anni una medicina si rivela sbagliata, invece di star meglio sto peggio, avrò diritto a prendere un'altra medicina? Se a Bruxelles le regole europee ti impongono di non dare da mangiare a mio figlio, io da papà cosa faccio, lascio morire di fame mio figlio per rispettare le regole? Per me i miei figli sono 60 milioni di italiani che hanno il diritto di avere un futuro di diritti di andare a scuola, il diritto alla salute...". Lo ha detto il vicepremier Matteo Salvini nel corso del suo comizio a Foligno, commentando l'avvio dell'iter per la procedura di infrazione per eccesso di debito dell'Italia da parte della Commissione europea.

A Salvini ha replicato in modo ironico il sindaco di Milano, Giuseppe Sala. "Io non lo vorrei neanche come zio", ha detto. Ma le dichiarazioni del leader leghista hanno suscitato anche polemiche e commenti ironici sui social, con l'hashtag #60milionimenouno che è diventato trend topic su Twitter.

#60MilioniMenoUno, lʼironia su Twitter dopo le dichiarazioni di Salvini

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali