FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Crisi di governo, è la giornata chiave: alle 15 le comunicazioni di Conte al Senato

Lo scenario più probabile è che salga al Colle senza passare per una sfiducia parlamentare. Ma potrebbero esserci sorprese, sia da parte del premier sia da parte di Salvini

Giornata chiave per la crisi di governo: alle 14:30 la conferenza dei capigruppo, alle 15 le comunicazioni di Conte al Senato. Poi comincerà il dibattito e si potrebbe arrivare al voto sulle risoluzioni. Il premier, però, potrebbe giocare d'anticipo e annunciare la sua intenzione di dimettersi. Di Maio si affida a Mattarella, affermando che Salvini ha "combinato un disastro" e che un governo con Renzi, Lotti e Boschi è solo una "bufala della Lega".

Se Conte, dopo le ultimative comunicazioni in Senato, si dimetterà davanti al Capo dello Stato senza passare per una sfiducia parlamentare, i 5 Stelle saliranno al Colle e si metteranno a disposizione del Presidente, per dare vita ad un governo dove anche Alessandro Di Battista potrebbe avrebbe un ruolo.

Sempre che non ci siano sorprese e che non sia lo stesso premier a sparigliare le carte. "Conte non è così prevedibile come pensate: è per questo che ci piace", dice, chiedendo di non essere citato, un esponente del governo pentastellato al termine dell'assemblea congiunta dei parlamentari M5s.

Conte potrebbe anche decidere di non rassegnare immediatamente le dimissioni appena terminata l'informativa in Aula e, piuttosto, attendere le conclusioni del dibattito parlamentare. Ci potrebbe, inoltre, essere il preannunciato colpo di teatro di Matteo Salvini. In ogni caso, la fine della legislatura sembra segnata.

Anche perché, ad oggi, l'unico modo, per nulla scontato, per evitare il divorzio ufficiale tra Lega e Movimento, sarebbe quello di un passo indietro del leader del Carroccio dalla squadra di governo, a favore di un leghista considerato ancora affidabile da parte dei 5 Stelle. Tentazione che in via Bellerio smentiscono con forza, nonostante i mal di pancia di chi non perdona al "capitano" lo strappo d'agosto.

Svanite nel fine settimana le speranze degli sherpa gialloverdi di ricucire l'alleanza, dopo l'apertura di Beppe Grillo al Pd riprendono quota le trattative anche sul fronte di un possibile esecutivo Dem-M5s a guida Fico o Zingaretti.

Il boccino dunque è nelle mani di Conte che avrebbe pronto un discorso molto duro, per inchiodare Salvini alle sue contraddizioni e lanciare un amo verso le opposizioni. Subito dopo il ruolo da protagonista passerà al Capo dello Stato, unico titolato a indicare una via d'uscita. Sia che si tratti del ritorno alle urne, sia che si apra il cantiere per la formazione di un'altra maggioranza.

Governo, le tappe principali della crisi da qui a dopo le urne

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali