FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

George Clooney e Amal, coppia regale alla corte del principe Carlo

Appuntamento a Buckingham Palace tra glamour e gente che conta

George Clooney e Amal, coppia regale alla corte del principe Carlo

Nel Regno Unito hanno preso casa (nel 2014) e nella corte reale sono... di casa. George Clooney e Amal Alamuddin sono molto legati non solo ai Duchi di Sussex (l'avvocatessa per i diritti umani è una cara amica di Meghan Markle) ma anche al principe Carlo che li ha invitati a una cena a Buckingham Palace per celebrare il suo Prince's Trust. L'attore, 57 anni, e la moglie, 41 anni, in total white, sono apparsi eleganti e regali.

Al gala di beneficenza per sostenere l'associazione che si occupa di aiutare i giovani attraverso l'istruzione e il lavoro, il divo di Hollywood e l'avvocatessa hanno calcato la scena da protagonisti. Amal impeccabile con un abito lungo che lasciava intravedere una porzione di décolleté e George perfetto con il suo smoking nero.

A corte si vocifera che i Clooney potrebbero essere scelti da Harry e Meghan come padrini del royal baby, vista l'amicizia di Amal con la duchessa di Sussex e la vicinanza anche con il principe Carlo.

George Clooney e Amal, coppia reale alla corte del principe Carlo

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali