FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Notre-Dame, uno studio italiano lanciò lʼallarme ma fu ignorato | "Polvere stratificata ha fatto da detonatore"

Il professor Paolo Vannucci aveva inviato la sua relazione al Consiglio nazionale di ricerca francese ma non fu ascoltato

La polvere stratificata nei secoli sulle travi del tetto di Notre-Dame potrebbe essere stata la causa scatenante del rogo. E sulla pericolosità di questa situazione c'è uno studio condotto da un professore di origine italiana che però è stato completamente ignorato dal Consiglio nazionale di ricerca francese ma che ora pone seri interrogativi su come si sarebbe potuto evitare il devastante incendio.

Notre-Dame, il sottotetto da cui è partito il rogo

E' stato Il Sole 24 Ore a scrivere questa ipotesi. Secondo lo studio "Cathédrale durable" realizzato nel 2016 dal professore Paolo Vannucci, originario di Lucca e docente di meccanica all'università di Versailles, sotto al tetto di Notre-Dame c'era un enorme carico di fuoco.

Si tratta di tutta la polvere stratificata nei secoli sull'antico legno della struttura e che era particolarmente infiammabile. Una scintilla, magari scaturita da un corto circuito oppure dai cavi del sistema d'allarme presente sui ponteggi del cantiere potrebbero avere innescato l'incendio.

L'allarme ignorato - Lo studio del professore Vannucci non è rimasto nei cassetti dell'università ma è stato consegnato anche al Cnrs, il Consiglio nazionale di ricerca francese. Che però lo ha ignorato, scrive Il Sole 24 Ore, che ha intevistato un collega di Vannucci, Paolo Maria Mariano, professore di meccanica all'università di Firenze: "Nel tetto di Notre-Dame, struttura estremamente moderna per concezione nonostante alcuni dei suoi legni appartengano a querce tagliate all’epoca di Carlo Magno, l'alta concentrazione di polveri ha un notevole effetto deflagrante e qualsiasi tensione elettrica può scatenare un incendio".

Andava rivisto il sistema antincendio - Nello studio di Vannucci si suggeriva di sostituire l'obsoleto sistema antincendio con uno più adatto ad affrontare la situazione: non acqua ma polveri. A quanto pare Vannucci già nelle scorse ore ha scritto all'Eliseo per far sapere a Macron che lo studio da lui realizzato era nelle mani del Cnrs ma che era stato secretato.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali