FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Chernobyl, 30 anni dopo in migliaia al lavoro per smantellare il sito nucleare

Eʼ stato il più grave incidente mai verificato in una centrale nucleare, ma ancora oggi circa 3.000 lavoratori sono allʼopera per la messa in sicurezza del reattore 4, quello del disastro

Chernobyl, 30 anni dopo in migliaia al lavoro per smantellare il sito nucleare

Trent'anni dopo il disastro nucleare del 26 aprile 1986 il sito di Chernobyl, in Ucraina, non è un'area fantasma. Migliaia di operai lavorano ogni giorno nella centrale della catastrofe. "Ci sono 1.500 lavoratori per il programma di smantellamento dell'impianto e altri 1.000-2.000 a contratto per costruire il nuovo sarcofago per il reattore 4", spiega a Efe Anton Pobor del Dipartimento di Cooperazione internazionale della centrale.

Situata 120 chilometri a Nord di Kiev e vicino alla frontiera con la Bielorussia, la centrale di Chernobyl allora provocò l'evacuazione di centinaia di migliaia di persone e contaminò ampie zone dell'Ucraina e dei Paesi vicini. Trent'anni dopo ha un'apparente normalità, con impiegati che passano attraverso i tornelli di ingresso e avvisi sindacali attaccati alle pareti, ma il dosimetro per radiazioni che tutti portano al collo riporta alla realtà. Come pure alcuni annunci sulle collette perché molti ex impiegati colpiti dalle radiazioni possano affrontare le cure mediche.

E il fatto che la normalità sia solo apparente si avverte anche all'uscita dalla centrale, dal momento che tutti i lavoratori o i visitatori devono passare attraverso un misuratore di radiazioni, che segnala se sono "puliti" o "contaminati". All'ingresso bisogna firmare una dichiarazione in cui si garantisce che non si toccherà nessun bottone.

Si lavora allo smantellamento definitivo dei reattori 1, 2 e 3, che restarono funzionanti dopo la catastrofe del 26 aprile 1986 e furono fermati negli anni successivi fino a smettere di operare nel 2000. "Nel 2015 cominciò una seconda fase del programma, per lo stop totale dell'impianto e la conservazione delle unità. Si tratta di garantire l'immagazzinamento sicuro del combustibile nucleare e di tutto il materiale radioattivo contenuto nei reattori", spiega Pobor.

Chernobyl oggi: lavoratori allʼopera per la sicurezza della centrale nucleare

Attraverso i corridoi di oltre 600 metri di lunghezza all'interno dell'impianto si muovono silenziose figure vestite di bianco immerse nei loro incarichi quotidiani, sia nelle sale di controllo, sia in quelle dei computer o delle turbine. Nella sala di controllo del reattore numero 2, diversi ingegneri lavorano in un groviglio di pulsanti, leve e pannelli e all'interno bevono the e fumano.

In fondo a uno dei lunghi corridoi c'è una piccola porta: "Da qui si entra nel blocco numero quattro", mostra Anton Pobor, proseguendo avanti. A diverse centinaia di metri dall'edificio principale, un gigantesco cantiere accoglie la costruzione del secondo sarcofago, il grande arco di acciaio, piombo e altri materiali che dovrà garantire che il reattore 4 non emetta radiazioni per almeno un secolo.

Il nuovo sarcofago dovrà sostituire la prima copertura, un gigantesco cubo di cemento che era stato terminato circa sette mesi dopo la catastrofe. "Il primo sarcofago sta per terminare la sua vita utile, che era di 30 anni, per questo è urgente costruire una nuova protezione", ha spiegato Yulia Marusich, specialista del Dipartimento internazionale di Chernobyl.

Centinaia di lavoratori e specialisti circolano intorno alla zona di costruzione del sarcofago. Sono stati assunti dal consorzio internazionale Novarka responsabile del progetto. "L'intera area di costruzione è stata accuratamente decontaminata prima di iniziare, per evitare rischi al personale. Tuttavia, la radiazione qui è circa 20 volte superiore rispetto a Kiev", ha spiegato Yulia.

Il nuovo sarcofago è una struttura gigante a forma di arco, costruito in due metà che ora sono unite in una sola struttura di 108 metri di altezza, 150 di larghezza e 256 di profondità. "Pesa oltre 30mila tonnellate e tutto è interconnesso con 650mila viti", ha spiegato la specialista. Secondo i piani, entro la fine del 2016, l'arco sarà completato e collocato sulla vecchia copertura del reattore 4. Dopo un anno, inizierà ad operare questo secondo sarcofago, e nel 2023 si prevede di completare la distruzione della vecchia struttura, il compito più difficile di tutto il progetto in quanto si tratta di lavorare all'interno del reattore.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali