FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Alabama, Senato approva legge contro lʼaborto: interruzione di gravidanza solo in caso di pericolo di vita per la madre

I medici che andranno contro la norma rischiano pene da 10 a 99 anni di carcere. Respinto lʼemendamento che impediva la restrizione in caso di stupro o incesto. LʼUnione per le libertà civili annuncia ricorso

Il Senato dell'Alabama ha approvato il progetto di legge più restrittivo degli Stati Uniti sull'aborto, prevedendo pesanti pene carcerarie per i medici che lo pratichino. Il testo non prevede eccezioni al divieto delle interruzioni di gravidanza neppure in caso di stupro o incesto, ma soltanto in caso di rischio di vita per la donna o "anomalia letale" del feto. Scoppia la polemica fra Democratici e Repubblicani.

I medici rischiano dai 10 ai 99 anni di carcere - I medici che praticheranno l'aborto potranno essere puniti, secondo la misura, con il carcere da 10 a 99 anni. L'Unione americana per le libertà civili (Aclu) ha annunciato che ricorrerà alla giustizia per impedire l'applicazione del provvedimento.

"Obiettivo è restringere l'aborto in tutti gli Usa" - L'obiettivo dichiarato dei promotori della legge è ritrovarsi davanti alla Corte suprema per convincerla a rivedere la sua storica decisione del 1973 "Roe v. Wade", che rese legale l'aborto. La Corte suprema dall'anno scorso ha maggioranza di giudici conservatori, cinque su nove: l'ultimo incaricato è stato Brett Kavanaugh, proposto dal presidente Donald Trump e notoriamente favorevole a limitare il diritto all'aborto. 

Senatore dem: "State dicendo a mia figlia: non conti nulla" - "State dicendo a mia figlia: tu non conti nulla nello Stato dell'Alabama, gli uomini possono stuprarti e tu avrai questo bambino se resti incinta", ha dichiarato Bobby Singleton, democratico al Senato locale, dopo che un emendamento con eccezioni ai limiti è stato respinto. 
Progetto di legge adottato a maggio dalla Camera - Il progetto di legge era stato adottato all'inizio di maggio dalla Camera dell'Alabama. È particolarmente repressivo, ma 28 Stati americani hanno introdotto oltre 300 nuove regole dall'inizio dell'anno per limitare l'accesso alle ivg, secondo l'Istituto Guttmacher per la difesa dei diritti delle donne alle interruzioni di gravidanza.

Gli altri Stati che hanno adottato misure simili - Kentucky e Mississippi hanno vietato la pratica da quando il battito del cuore del feto è percepibile, cioè all'incirca alla sesta settimana di gravidanza. Misure analoghe sono in itinere in Georgia, Ohio, Missouri e Tennessee. Un giudice ha bloccato l'attuazione della legge in Kentucky, mentre quella in Mississippi entrera' in vigore a luglio.

La polemica: "E' incostituzionale" - La norma è diventata subito il centro del dibattito politico. Joe Biden, democratico ed ex vicepresidente degli Stati Uniti, ha sottolineato su Twitter che "la norma viola chiaramente la sentenza 'Roe v Wade'. La giurisprudenza consolidata non deve essere rovesciata". Assieme a lui si sono schierati in un fronte comune gli altri candidati alla Casa Bianca per i democratici, con dure condanne che sono arrivate da Warren, Booker e Sanders: tutti hanno richiesto alla governatrice dell'Alabama di porre il veto sull'approvazione della norma, essendo l'unico strumento legale per fermare "una legge spaventosa", come definita da Ocasio Cortez.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali