FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Perde il controllo delle mani dopo una lesione, torna a videogiocare dopo 35 anni

Grazie al controller speciale di Microsoft per Xbox One, Joe può godersi lʼesperienza di gioco di Forza Motorsport 7 e FIFA 19

Perde il controllo delle mani dopo una lesione, torna a videogiocare dopo 35 anni

SpecialEffect è una clinica nella contea di Oxfordshire, in Inghilterra, specializzata nel favorire l'inclusione di persone diversamente abili tramite i videogiochi

Grazie all'aiuto dei suoi terapisti Nomi e Frankie, un uomo britannico di nome Joe è riuscito a tornare a giocare ai videogiochi dopo aver perso il pieno controllo delle proprie mani 35 anni fa, a seguito di una lesione midollare.

Sfruttando l'Xbox Adaptive Controller, la periferica realizzata da Microsoft per permettere anche a persone diversamente abili di giocare ai videogiochi, Joe è riuscito a vivere l'esperienza di FIFA 19 e Forza Motorsport 7 utilizzando tutta una serie di periferiche adatte ai propri bisogni.

Due switch gestibili con i movimenti della testa, un joystick particolarmente ampio per controllare i calciatori o le automobili, e infine uno switch separato per gestire le varie azioni consentono a Joe di sfrecciare a trecento all'ora o di effettuare un contropiede verso la porta avversaria, contando sul supporto dello staff medico e sull'ausilio delle numerose opzioni d'accessibilità dei due videogiochi per ridurre al minimo il numero di comandi. Tutti i dispositivi sono stati connessi alla periferica esterna per Xbox One, che consente l'alloggiamento di numerosi controller non convenzionali che favoriscono l'accessibilità e si adattano a ogni esigenza.

Joe può così tornare a guidare o correre sui campi da calcio, seppur virtualmente, dopo aver lottato per più di trent'anni con una malattia che l'ha costretto su una sedia a rotelle. L'ennesima prova che i videogiochi non sono soltanto sinonimo di violenza, come spesso si crede erroneamente, ma anche un fantastico mezzo di inclusione e solidarietà.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali