FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Call of Duty, bufera sul nuovo episodio del 2020: cambia lo sviluppatore

Activision rimuove Sledgehammer Games dalla guida del progetto, uno sparatutto ambientato nella guerra fredda

Call of Duty, bufera sul nuovo episodio del 2020: cambia lo sviluppatore

Si respira un'aria particolare in casa Activision, che dopo il divorzio da Bungie nei mesi scorsi, si trova con un'altra gatta da pelare per quanto riguarda il suo franchise più importante: Call of Duty.

Nelle scorse ore, infatti, è arrivata un'indiscrezione che vorrebbe un cambio in corsa nello sviluppo del nuovo episodio della serie previsto per il prossimo anno, che stando alle informazioni giunte finora passerà dalle mani di Sledgehammer Games (Advanced Warfare, WW2) a Treyarch (Black Ops 4).

Le indiscrezioni, riportate sulle pagine da Kotaku e provenienti da tre membri del team di sviluppo al lavoro sul progetto, parlano di forti tensioni tra Sledgehammer Games e Raven Software, il team incaricato da Activision per la gestione principale del nuovo episodio di Call of Duty che arriverà il prossimo anno. Alla base di queste tensioni ci sarebbero tutta una serie di divergenze creative e tecniche tra gli sviluppatori dei due team, che avevano in programma la realizzazione di un nuovo sparatutto ambientato nella guerra fredda.

Così, Activision ha preso la decisione di rimuovere entrambi i team dalla guida del progetto e affidarlo a Treyarch, che solo lo scorso anno ha completato il tradizionale ciclo di lavorazione triennale e pubblicato sul mercato Call of Duty: Black Ops 4. Treyarch assumerà dunque il controllo totale dello sparatutto e, sempre secondo le voci, lo trasformerà in un Black Ops 5 ambientato nella guerra del Vietnam, sfruttando buona parte dei materiali realizzati da Sledgehammer e Raven Software.

I due team resteranno a disposizione di Treyarch per aiutare l'azienda a completare il gioco in tempo, dal momento che la software house si troverà costretta a ultimare lo sviluppo di un prodotto previsto anche per le console di prossima generazione in soli due anni. La notizia non è stata accolta benissimo da tutti gli sviluppatori di Treyarch, spaventati all'idea di dover fare settimane di straordinari per essere sicuri di rispettare le scadenze imposte da Activision.

La stessa Activision continua a far parlare di sé, dopo che le planimetrie diffuse da ESA e relative alla disposizione degli stand all'E3 2019 hanno confermato l'assenza di uno spazio espositivo alla fiera di Los Angeles.

Activision sarà sì presente a Los Angeles durante lo show parallelo E3 Coliseum per presentare l'episodio di Call of Duty in arrivo quest'anno (in sviluppo presso gli studi Infinity Ward, che sarà verosimilmente un nuovo capitolo di Modern Warfare), ma si tratta della prima volta dai tempi di Call of Duty: Infinite Warfare che il publisher non appare tra gli espositori della fiera di settore più importante al mondo.

Un dato che fa certamente riflettere circa l'importanza dell'evento, sensibilmente ridimensionato dopo la scelta di Sony di non organizzare alcuna conferenza PlayStation, e che adesso perde un altro pezzo da novanta.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali