FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Scoperto nelle Filippine un nuovo parente di Homo Sapiens

I ricercatori ritengono di aver trovato una nuova specie umana, con caratteri morfologici unici, che ha vissuto sullʼisola di Luzon più di 50mila anni fa

Scoperto nelle Filippine un nuovo parente di Homo Sapiens

Si allarga la famiglia dell'Homo Sapiens: arriva dalle Filippine la scoperta di un nuovo parente "minore", vissuto più di 50.000 anni fa e ribattezzato Homo Luzonensis, dall'Isola di Luzon in cui sono stati rinvenuti i resti ossei. Il ritrovamento, pubblicato sulla rivista Nature e guidato dal Museo Nazionale di Storia Naturale di Parigi, mette in luce l'importanza del sud-est asiatico, e in particolare delle sue isole, nell'evoluzione del genere Homo: la nuova specie, infatti, sarebbe stata contemporanea e simile per dimensioni al famoso Homo Floresiensis, il cosiddetto 'hobbit' che abitava l'isola indonesiana di Flores.

"Il contesto bio-geografico della scoperta, lo stesso dell'Homo floresiensis, è estremamente interessante", commenta Lorenzo Rook, docente di Paleontologia all'Università di Firenze. "Le piccole dimensioni sono un tratto comune dell'evoluzione nelle isole, - aggiunge Rook. - Sembra proprio che ci sia, in questa zona, uno schema che si ripete".

Gli elementi rinvenuti nella grotta chiamata Callao Cave sono tredici resti fossili tra denti, falangi di piede e di mano, frammenti di femore, appartenenti ad almeno tre individui: la loro combinazione unica di caratteristiche primitive e moderne vicine a quelle di Homo Sapiens, in particolare per quanto riguarda i denti, differisce nettamente da quelle di tutte le altre specie già note, tanto da giustificare la creazione di una nuova specie.

I ricercatori guidati da Florent Détroit hanno effettuato diverse analisi morfologiche, come le ricostruzioni tridimensionali tramite scansione, che hanno permesso una datazione abbastanza precisa delle ossa: risalgono a circa 67.000 anni fa e si tratta quindi di una specie contemporanea all'hobbit dell'Isola di Flores, vissuto tra 190.000 e 54.000 anni fa. "Appartengono senza dubbio allo stesso momento di esplosione e diversificazione delle forme di vita - conclude Lorenzo Rook - avvenuta in quel periodo nel sud-est asiatico".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali