FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

“Sembra sempre impossibile finché non lo fai”: a 9 anni in passerella con una doppia protesi

“Sembra sempre impossibile finché non lo fai”: così Daisy May Demetre, 9 anni, commenta la foto che la ritrae alla sfilata della Lulu et Gigi alla Fashion Week di Parigi. La bambina, a 18 mesi, aveva subito l’amputazione di entrambe le gambe a causa dell’emimelia fibulare, una rara malattia che colpisce gli arti.
La piccola ha incantato tutti sulla passerella, era la più giovane a sfilare e l’unica che indossava una doppia protesi: “Sono qui a fare la storia”, scrive su Instagram.
Nata a Birmingham, in Gran Bretagna, ha iniziato a fare la modella un anno fa, utilizzando lame di carbonio per camminare. Ha detto a Reuters Television che adora indossare bei vestiti e posare per la macchina fotografica: “Mi pettino, mi trucco, mi metto il vestito e le gambe e salgo in passerella. A volte non mi sento nemmeno diversa”.

“Sembra sempre impossibile finché non lo fai”: a 9 anni in passerella con una doppia protesi

clicca per guardare tutte le foto della gallery

“Sembra sempre impossibile finché non lo fai”: così Daisy May Demetre, 9 anni, commenta la foto che la ritrae alla sfilata della Lulu et Gigi alla Fashion Week di Parigi. La bambina, a 18 mesi, aveva subito l’amputazione di entrambe le gambe a causa dell’emimelia fibulare, una rara malattia che colpisce gli arti.
La piccola ha incantato tutti sulla passerella, era la più giovane a sfilare e l’unica che indossava una doppia protesi: “Sono qui a fare la storia”, scrive su Instagram.
Nata a Birmingham, in Gran Bretagna, ha iniziato a fare la modella un anno fa, utilizzando lame di carbonio per camminare. Ha detto a Reuters Television che adora indossare bei vestiti e posare per la macchina fotografica: “Mi pettino, mi trucco, mi metto il vestito e le gambe e salgo in passerella. A volte non mi sento nemmeno diversa”.