FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Uomo, in caso di pioggia: perché scegliere un anorak

Funzionale, confortevole, resistente: perfetto sopra maglie e jeans ma anche con i completi più formali

Non è una semplice giacca a vento. Si chiama anorak e si deve la sua invenzione alle popolazioni Inuit, che hanno saputo renderlo un formidabile strumento di difesa dal freddo polare, quindi quello vero. Impermeabile, si infila come fosse un maglione e ripara dalla pioggia e dalle intemperie. A renderlo inconfondibile, una grande tasca centrale, la cerniera frontale e, in genere, il cappuccio. Capo informale, rientra dalle origini nel genere abbigliamento sportivo e da montagna ma è ormai declinato anche nelle varianti più casual e urban, perfetto per la città e praticissimo – ad esempio – per chi si muove in scooter.

Uomo, in caso di pioggia: perché scegliere un anorak

VERSATILE E CONTEMPORANEO - Comodo e colorato, oggi l’anorak viene per lo più realizzato in fibre sintetiche, nylon in testa, e può essere imbottito o meno, a seconda della stagione. Si indossa sopra maglie e jeans ma dà il meglio di sé anche sopra il classico completo giacca-pantaloni, a sottolineare quanto il confine tra formale e informale nel guardaroba maschile sia sempre più labile.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali