FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Karl Lagerfeld, l’innovatore: tutte le ragioni per cui mancherà

L’invenzione del fenomeno delle top model, delle sfilate itineranti, del prêt-à-porter, delle sneakers e di tanto altro ancora

Nel 1933? Nel ’35? Nel ’38? Chissà quando era nato veramente, Karl Lagerfeld. “Larger than life” è l’espressione a cui ricorrono gli americani per descrivere una figura come la sua, quella di un uomo e di un genio che si può tranquillamente definire “rinascimentale”. Un talento spiccato, curioso, poliedrico, onnivoro, innovatore, di grande profondità di visione e cultura. Direttore creativo storico di Chanel e Fendi (e della linea che porta il suo nome), sapeva guardare avanti e poi andare oltre, spingersi al di là di ogni conformismo. In settant’anni di attività ha saputo inventare tutti i capisaldi che regolano e fanno parte del sistema moda ancora oggi. Chi raccoglierà la sua eredità?

Karl Lagerfeld, l’innovatore: tutte le ragioni per cui mancherà


COME LAGERFELD, SOLO LAGERFELD - Stilista, designer, illustratore, fotografo, regista, icona pop e tanto altro ancora. Le cose andavano fatte a modo suo, soltanto come diceva lui. Con Gianni Versace, ha inventato il fenomeno delle top model ma anche le sfilate itineranti e spettacolari (Karl era in grado di stupire e trasformare il Grand Palais di Parigi in una brasserie, in un supermarket, in una spiaggia, in una villa con il giardino all’italiana, come visto nell’ultima sfilata di gennaio, che è stata anche l’unica a cui non ha potuto presiedere), ha partecipato all’invenzione del prêt-à-porter. È stato il primo a inserire le sneakers nell’Haute Couture, il primo a firmare una collezione per H&M, nel 2004 (pare lamentandosi molto per le quantità prodotte, a suo dire troppo modiche per arrivare alla portata di tutti). Era infaticabile: disegnava almeno 16 collezioni l’anno e guidava tre Maison. Era direttore creativo di Fendi, Chanel e della sua label, Karl Lagerfeld, l’unico a riuscire a farlo in contemporanea.

Karl Lagerfeld e Chanel, un mondo in evoluzione


“IL VERO LUSSO? L’INTELLIGENZA” - Coltissimo, amante dei libri, delle opere d’arte, dell’architettura, del design, della musica e del bello tout court (proprietario di numerose case e castelli, li ha prima accumulati e poi venduti). Karl Lagerfeld è stato un uomo dai mille interessi: parlava quattro lingue e aveva una biblioteca ricchissima (e molto fotografata dalle riviste) nella sua casa di Parigi. Disegnava a mano i suoi bozzetti, con matite, carboncini e ombretti per gli occhi. Pare ne abbia lasciati centinaia. Negli ultimi anni, è stato scritto molto anche dell’amore per la sua gattina bianca, Choupette, seguita 24 ore su 24 da due cameriere (e, pare, beneficiaria della sua eredità). “Il vero lusso? È l’intelligenza”, sosteneva. La sua dedizione al lavoro gli ha fruttato l’appellativo di Kaiser ma più che un capo, era una guida. Stacanovista, riservatissimo e solitario, soprattutto sul lavoro, inarrivabile. E forse il suo segreto, si potrebbe dire oggi, è stato proprio quello di non considerarsi mai arrivato.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali