FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Riscaldamento globale, uno "scudo" di ghiaccio protegge lʼAntartide dallo scioglimento

Lo spessore è compreso tra i 100 e i 1.000 chilometri. Il fenomeno si deve a vere e proprie "fabbriche glaciali" azionate da correnti oceaniche e venti

Venti e correnti oceaniche in Antartide hanno dato vita a uno "scudo" di ghiaccio marino che protegge i ghiacci del continente bianco dallo scioglimento. E' quanto emerge da una ricerca condotta da Nasa e Agenzia statunitense per l'atmosfera e gli oceani (Noaa), che ha ricostruito le differenze tra ghiacci artici e antartici. Lo "scudo", che ha uno spessore compreso tra i 100 e i 1.000 chilometri, è alimentato da vere e proprie "fabbriche di ghiaccio" che contrastano gli effetti del riscaldamento globale.

Lo scudo di ghiaccio che protegge lʼAntartide

L'azione combinata di correnti oceaniche e venti ha dato vita a uno "scudo" di ghiaccio che protegge l'Antartide dagli effetti del riscaldamento globale. Il suo spessore è compreso tra 100 e 1.000 chilometri ed è alimentato da vere e proprie "fabbriche glaciali".

leggi tutto

Artico e Antartico a confronto - Lo studio, pubblicato sulla rivista Remote Sensing of Environment, ha preso in esame i dati dei satelliti per comprendere le differenze tra i ghiacci dell'Artico, che stanno registrando un drastico scioglimento, e quelli antartici, che invece si stanno leggermente espandendo. "Il nostro studio fornisce prove consistenti che il comportamento del ghiaccio marino antartico - ha detto Son Nghiem, coordinatore della ricerca - è coerente con le caratteristiche geofisiche della regione polare meridionale, che si differenziano nettamente da quelle della regione artica".

I dati dei satelliti - Ogni anno, in Antartide, il ghiaccio marino raggiunge la massima estensione nel mese di settembre e si ritira di circa il 17% nel mese di febbraio. L'estensione del ghiaccio è stabile dagli anni '70 e in alcune regioni risulta addirittura in aumento. Grazie alle informazioni del radar a bordo del satellite QuikSCAT della Nasa, raccolte tra il 1999 e il 2009, è emerso che la struttura dell'Antartide e la profondità dell'oceano che lo circonda influenzano venti e correnti oceaniche. Questi a loro volta favoriscono la formazione del ghiaccio marino.

Come nasce lo "scudo" di ghiaccio - Al momento della formazione dello "scudo" glaciale, i venti che soffiano dal continente spingono il blocco in mare aperto, verso nord. Le correnti marine lo ammucchiano poi in un'unica enorme fascia che circonda tutto l'Antartide e fa da scudo al ghiaccio più vecchio e spesso del continente. Inoltre, quando il ghiaccio si allontana verso l'oceano, dietro di sé lascia degli spazi di mare dove si creano "fabbriche di ghiaccio" che sono protette dall'azione erosiva dei venti oceanici e delle onde e che vanno ad alimentare e a ingrossare la fascia ghiacciata.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali