FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Batterie ricaricabili più "forti" grazie al polistirolo: 15% di "memoria" in più

Lo studio dellʼUniversità americana di Purdue promuove anche il riciclo del polimero utilizzato per gli imballaggi, che negli Usa è fermo al 10%

Dagli imballaggi all'elettronica: il polistirolo può essere utilizzato per realizzare batterie ricaricabili più efficienti e durature. Un gruppo di scienziati dell'Università americana di Purdue, nell'Indiana, ha messo a punto un metodo per convertire le classiche "patatine" di polistirolo in micro-fogli e nanoparticelle di carbonio per gli anodi delle batterie al litio. Una scoperta "green" che promuove il riciclo di un materiale altamente inquinante, fermo al 10% negli Usa.

Batterie ricaricabili più "forti" grazie al polistirolo: 15% di "memoria" in più

Da rifiuto a risorsa - I ricercatori americani hanno presentato i risultati del loro studio in occasione del summit della American Chemical Society. Trasformando il polistirolo in micro-fogli e nanoparticelle di carbonio, gli scienziati hanno ottenuto batterie ricaricabili con una capacità di memoria superiore a quella della grafite, il materiale più usato per la realizzazione degli anodi. La capacità di accumulare energia sarebbe superiore del 15%. L'obiettivo è quello di riuscire ad aprire la scoperta all'uso commerciale nel giro di due anni.

Rispetto per l'ambiente - Il ricercatore Vinodkumar Etacheri spiega che il polistirolo è un materiale leggero ma occupa molto spazio e i costi del trasporto verso i centri di riciclaggio sono elevati. Al di là del 10% che negli Usa viene riutilizzato e riciclato, il resto finisce in discariche con rischi per l'ambiente per via della presenza di sostanze chimiche - contenute anche nelle versioni più eco-friendly di queste "sfere" - che possono contaminare gli ecosistemi. "In una discarica - spiega Etacheri - sostanze potenzialmente nocive presenti nelle palline di polistirolo come metalli pesanti, cloruri e ftalati, possono facilmente filtrare nell'ambiente e deteriorare il suolo e la qualità dell'acqua".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali