FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Non solo Germania e Francia, le "altre" economie dʼEuropa

Curiosi, piuttosto, sono i casi di Irlanda, Malta, Polonia, Estonia e Romania

Non solo Germania e Francia, le "altre" economie d'Europa

Normalmente quando i quotidiani e le analisi dei centri studi confrontano l’andamento dell’economia italiana con quello degli altri Paesi tendono a farlo con quello della Germania, con la Francia, la Spagna e il Regno Unito, perché insieme al nostro Paese sono quelli che in Europa vantano un Prodotto interno lordo più elevato. Per questo ci si imbatte di rado nell’andamento economico di realtà come la Polonia, per esempio, o la Romania o la Lituania.

Eppure, dallo scoppio della crisi economica ad oggi, anche queste economie – che di solito osserviamo “meno” – hanno presentato dinamiche interessanti. Prendiamo per esempio l’Irlanda, Malta e Polonia. Secondo le rilevazioni della Commissione europea queste tre economie sono quelle che tra il 2007 ed il 2017, nonostante le difficoltà riscontrate in tutta l’Unione europea, sono cresciute maggiormente, mettendo a segno rispettivamente un +4,1%, un +4,2% e un +3,3%. Nella top ten troviamo poi Romania (+2,5%), Slovacchia (+2,4%), Bulgaria (+1,9%), Lussemburgo (+1,9%) Svezia (+1,6%), Repubblica Ceca (+1,5%) e Lituania (+1,3%): tutte con una crescita tra 2007 e 2017 superiore a quella della Germania (undicesimo posto) e alla media dell’Ue e dell’Eurozona. Al contrario, Grecia, Italia e Croazia sono quelle che ad oggi sono più in difficoltà, con un divario negativo rispetto all’anno pre-crisi del 2,9%, dello 0,6% e dello 0,2%.

In effetti anche guardando ai singoli anni considerati dall’analisi della Commissione si possono osservare dinamiche simili. Nel 2007 è la Lituania il Paese che è cresciuto maggiormente, con un +11,1% (segue la Slovacchia con un +10,8%). Nel 2008 la crescita più marcata ha invece interessato la Romania (+8,3%). Nel 2009 un caso ancora più singolare: a fronte di una contrazione generalizzata dei Pil di tutti i Paesi dell’Unione, solo la Polonia ha registrato una crescita, e nemmeno limitata: +2,8%. Nel 2010 la crescita maggiore ha invece interessato il Lussemburgo con un +4,9%, nel 2011 e nel 2012 l’Estonia con un +7,6% e un +4,3%, nel 2013 e nel 2014 Malta con un +4,6% e un +8,1%. Altro caso degno di nota è quello che nel 2015 ha interessato l’Irlanda, quando l’ufficio di statistica di Dublino registrò un +25,1%.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali