FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Il pieno che conviene, Altroconsumo: ecco le regole per risparmiare fino a 670 euro lʼanno sul carburante

Trieste tra le città più economiche, mentre al top ci sono Palermo e Cagliari. Meglio fare benzina nei centri commerciali e scegliere i marchi indipendenti

Il pieno che conviene, Altroconsumo: ecco le regole per risparmiare fino a 670 euro l'anno sul carburante

Città che vai, tariffa (di benzina) che trovi. Un'indagine di Altroconsumo rivela che, a seconda del distributore e della città, un automobilista può risparmiare fino a 670 euro l'anno. E' quanto calcola l'associazione confrontando i dati dell'Osservatorio prezzi carburanti del ministero dello Sviluppo economico.

Sei città a confronto - Altroconsumo ha fatto i conti considerando una media di due rifornimenti da 50 litri al mese e ha messo sotto la lente le tariffe di 1.100 distributori in sei città italiane, Roma e Milano in testa. Tra le città più convenienti c'è Trieste, che deve reggere la concorrenza con le confinanti Slovenia e Croazia, dove i prezzi dei carburanti sono ai minimi termini rispetto all'Italia.

Centri commerciali e fai-da-te - Benzina super-economica anche a Perugia, dove ad abbassare i listini sono soprattutto i distributori fai-da-te nei centri commerciali. Prezzi più alti della media invece a Palermo e Cagliari, nonostante la vicinanza di importanti raffinerie che, garantendo rifornimenti più rapidi e facili, dovrebbe contribuire a tagliare le tariffe agli impianti. In realtà, però, non sono le differenze tra città ad essere particolarmente vistose: i prezzi variano del 6% per la benzina, del 7% per il gasolio. Molto più rilevanti le distanze tra diversi distributori nella stessa città: si arriva a oscillazioni del 30% (del 40% per il diesel a Roma).

Self, low-cost e marchi - La prima regola per tagliare le spese sulla benzina è quella di scegliere il self service: si può risparmiare fino al 10%. Occhio però: un distributore può fare una tariffa self service più alta di un servito in un altro impianto. Molto meglio poi fare il pieno nei centri commerciali, in genere più convenienti, e infine scegliere le insegne "minori", quelle indipendenti dai grandi marchi, e quelle low-cost. Anche qui, occhio alle eccezioni: a Cagliari e Trieste, ad esempio, distributori di marca sono in genere più a buon mercato rispetto ai low-cost. Infine, mai fermarsi nelle circonvallazioni o in autostrada: il prezzo sale almeno del 13% rispetto alla media della zona.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali