FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Eurostat, dati occupazione 2018: Sicilia fanalino di coda in zona euro (44,1%)

In questa triste "classifica al contrario" spiccano la Campania con il 45,3%, la Calabria con il 45,6% e la Puglia con il 49,4%.

Eurostat, dati occupazione 2018: Sicilia fanalino di coda in zona euro (44,1%)

Quattro su cinque delle Regioni con il tasso di occupazione più basso in Europa sono nel Sud Italia con meno della metà delle persone tra i 20 e i 64 anni che ha un lavoro a fronte del 73,1% medio in Ue. I dati Eurostat riferiti al 2018 vedono guidare questa "triste" classifica al contrario la Sicilia con il 44,1% di persone con lavoro, la Campania con il 45,3%, la Calabria con il 45,6% e la Puglia con il 49,4%.

La peggiore in graduatoria è la Mayotte (Regione dʼoltremare francese che è in Africa vicino al Madagascar) con il 40,8% delle persone tra i 20 e i 64 anni al lavoro.

I numeri italiani sono davvero sconfortanti, specialmente se declinati sulla disoccupazione giovanile. Matera ad esempio, capitale europea per la cultura 2019, ha il 69,2% di giovani con meno di 24 anni che non trovano lavoro, ma il tasso di disoccupazione giovanile oltrepassa il 60% anche in province come Caltanissetta (64,8%), Vibo Valentia (63,4%) e Benevento (60,2%). Percentuali contenute di occupati, inoltre, si rilevano nella provincia di Trapani (38,4%), preceduta da Napoli (38,7%) e da Agrigento (38,8).

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali