FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

"Raggiungere i propri obiettivi senza scendere a compromessi"

Cristina Scocchia, Amministratore Delegato di KIKO, racconta a Tgcom24 il suo percorso professionale e il suo lato più femminile

"Raggiungere i propri obiettivi senza scendere a compromessi"

Amministratore Delegato: un ruolo di cui spesso nemmeno si conosce del tutto il significato, ma che suona importante e decisivo. Quando si parla dei vertici di un'azienda, tanto più questa è importante e conosciuta, tanto più ci si immagina che a guidarla sia un uomo. Ma in questo caso a tenere saldamente le redini di una delle aziende del settore beauty più importanti a livello nazionale e internazionale è una donna forte, tenace e sensibile: Cristina Scocchia.

Cristina, che tipo di persona è lei? Come si definirebbe?
Mi definirei una donna che crede nel merito e nei valori: etica, trasparenza e generosità in primis. Al lavoro sono molto esigente come me stessa e con i miei collaboratori. A casa sono una mamma coccolona. È il ruolo che mi piace di più. 

Cosa ha studiato e cosa pensava di diventare da grande?
Mi sono laureata in Economia e Commercio alla Bocconi e successivamente ho conseguito un Dottorato presso l’Università di Torino. Ho sempre desiderato lavorare in un'azienda multinazionale. Ho iniziato in Procter & Gamble tre anni prima di laurearmi. Mi ricordo ancora il mio primo colloquio quando mi chiesero: “Come ti vedi fra 15 anni?” e io, con il coraggio e le sfrontatezza dei vent’anni risposi: “A fare l'Ad”. Non sapevo se ce l’avrei mai fatta ma era il mio sogno professionale. Mi piaceva l’idea di guidare un’azienda, avere un impatto sul business, sull’organizzazione e la cultura aziendale, unendo aspetti economici e dimensione umana.

Come è arrivata a KIKO? 
Ho trascorso 16 anni in Procter & Gamble, occupandomi sia di mercati maturi come l’Europa e gli Stati Uniti che di mercati emergenti come l’Europa dell’East, il Medio Oriente e l’Africa. È stata una crescita professionale multiculturale. Poi sono passata in l’Oreal come Amministratore Delegato di L’Oreal Italia: sono stati anni adrenalinici in cui ho potuto guidare il ritorno della società alla crescita di fatturato e di quote di mercato in contesto economico sfidante.

Cosa significa per una donna occuparsi di cosmetici in un ruolo aziendale?
Fare l’Amministratore Delegato comporta delle responsabilità che prescindono dal settore e dai prodotti di cui ci si occupa. Certamente poter svolgere questo incarico in un ambiente attraente come quello del beauty è particolarmente piacevole e interessante.

Quali difficoltà ha incontrato nel percorso professionale? 
Nella mia carriera, così come in tutte le carriere, ci sono stati momenti più facili e altri meno. Le difficoltà ci sono per tutti. Quello che fa la differenza nei momenti tosti è credere in sé stessi e dare il massimo con entusiasmo e resilienza.

Quanto è stato difficile farsi accettare nel ruolo di AD?
Ad essere sincera non è stato difficile. Ho conquistato questo ruolo iniziando dal basso, partendo in Procter&Gamble dal primo gradino di Assistant Brand Manager. Da li in poi è stato un percorso di crescita trasparente, uno scalino alla volta, con tanto impegno e passione per il mio lavoro. 

La famiglia: un sostegno, ma anche tanto impegno. Conciliare è la parola d’ordine…
Sicuramente si. Nella vita non si può avere tutto ma si può tentare di conciliare tutto. Non è sempre facile e non ci sono ricette che valgono per tutti. Personalmente credo sia importante non pretendere di essere sempre perfette ed imparare a delegare laddove possibile. In ogni ruolo ci sono momenti chiave nei quali si deve essere presente e dare il massimo e altri che onestamente lo sono meno. Imparare a priorizzare e delegare è stato chiave per me. 

Un invito alle donne che subiscono soprusi nel mondo del lavoro 
Per le donne è più difficile fare carriera: primo, perché a causa di stereotipi e pregiudizi una donna deve sempre dimostrare più merito di un uomo; secondo, perché conciliare vita familiare e lavoro è oggettivamente più difficile per una donna. Detto questo, la cosa  importante è non lasciare che siano gli stereotipi a dirci chi dobbiamo essere o chi dobbiamo diventare. Se hai un sogno devi perseguirlo con tenacia e determinazione. Il primo modo per abbattere gli stereotipi è darei il meglio di sé. Quando questo non è sufficiente, allora è opportuno chiedere il supporto di qualcuno, che può essere il Responsabile HR in azienda o un network di donne on un mentor. L’importante è non scoraggiarsi mai.

Che cosa le piacerebbe che le donne con cui lavora dicessero di lei? 
Spero di essere un piccolo esempio di come si possono raggiungere i propri obiettivi professionali a prescindere dal punto di partenza, senza scendere a compromessi con i propri valori e conciliando famiglia e carriera.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali