FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Compiti delle vacanze: utile esercizio o assurda seccatura?

Sono un tormentone dei mesi estivi: per alcuni il ripasso serve davvero, per altri è solo un inutile tortura. Qualche strategia utile

Compiti delle vacanze: utile esercizio o assurda seccatura?

La scuola è finita, si apre la stagione più amata dagli studenti: quella delle vacanze. C’è però una nube che offusca il limpido orizzonte delle lunghe giornate di puro divertimento: i compiti di ripasso ai quali molti insegnanti non intendono rinunciare e verso i quali l’insofferenza di ragazzi e famiglie cresce ogni anno. Il tema della loro utilità, e perfino della loro opportunità, è dibattuto ogni anno da educatori e pedagogisti, ma sull'argomento non è stato raggiunto alcun risultato conclusivo: probabilmente anche in questo caso il torto e la ragione non stanno tutti dalla stessa parte. Proviamo a fare il punto.

I PRO E I CONTRO – I detrattori dei compiti delle vacanze sostengono che il ripasso estivo è inutile (quello che non si è imparato in mesi di scuola non sarà appreso nel periodo delle vacanze); dannoso (è fonte di stress per i ragazzi e le famiglie); perfino discriminatorio (le famiglie più abbienti possono seguire o far seguire i figli, mentre i meno fortunati non ne hanno la possibilità); in ogni caso è una contraddizione di termini perché le vacanze sono per definizione un periodo libero da impegni. I sostenitori invece ritengono che tre mesi di dolce far niente sono un periodo troppo lungo nel quale ci si “arrugginisce” e si dimentica anche il poco che si è riusciti a imparare; che l’apprendimento richiede esercizio costante e che i momenti non scolastici sono una utile pausa da sfruttare per colmare le lacune e dedicarsi a qualche approfondimento. Chi ha ragione?

STRATEGIE –Le famiglie di solito a fine anno scolastico ricevono dagli insegnanti dei figli le indicazioni a proposito delle attività di ripasso estivo. A questo punto, al di là di quello che ciascuno pensa, è corretto allinearsi alle indicazioni dei prof e fare in modo che i ragazzi rispettino le istruzioni ricevute. Se sono stati indicati esercizi di revisione, libri di ripasso o letture consigliate, bisogna far sì che i compiti vengano eseguiti nel modo più preciso e corretto possibile, a costo di assumere una posizione ferma. Visto che i compiti generano una certa insofferenza nei ragazzi, è indispensabile che il genitore sia determinato e positivo: i compiti si fanno perché il professore (o il maestro) li ha assegnati, punto e basta. Non lasciamo spazio a recriminazioni, insofferenza e proteste: soprattutto guardiamoci bene dal mostraci in disaccordo con le indicazioni dei professori o dal criticare la quantità e la qualità del lavoro assegnato. Molto meglio pianificare insieme ai figli i tempi e i modi per ottemperare all’obbligo senza intralciare i momenti in cui tutta la famiglia è in vacanza e vuole giustamente godere del tempo da trascorrere insieme.

GLI ESERCIZI UTILI PER TUTTI – L’attività ideale, utile sempre e in ogni caso, è proporre ai ragazzi qualche buona lettura. Gli insegnanti di solito suggeriscono alcuni libri da leggere durante le vacanze: in mancanza di altre indicazioni ci si può far aiutare in biblioteca o attingere ai nostri personali ricordi di libri che abbiamo amato quando avevamo l’età dei nostri figli. Leggere è il migliore esercizio di lingua italiana che si possa fare e un ottimo modo per trascorrere i momenti di ozio, in città o in riva al mare. E’ anche un buon modo per sottrarre bambini e ragazzi alla fruizione troppo massiccia di tv, computer e telefonini.

PER CHI DEVE RECUPERARE – Un discorso a parte deve essere fatto se gli insegnanti hanno segnalato qualche particolare debolezza o se il ragazzo deve ripianare un debito scolastico: in questo caso a fine estate dovrà sostenere un esame per dimostrare di aver recuperato prima di essere ammesso alla classe successiva. In questo caso il lavoro di ripasso è indispensabile, effettuato con il supporto dei corsi che le scuole organizzano con questo fine. I corsi vanno frequentati assiduamente e il lavoro estivo deve essere organizzato con accortezza. Anche in questo caso è opportuna la supervisione di un genitore: il ragazzo non deve sentirsi “punito” per l’insuccesso, né abbandonato a se stesso in balia della sua difficoltà: deve però rendersi conto che il recupero è una sua responsabilità e un impegno personale.

PER I PICCOLI – Un libretto di compiti delle vacanze non è una tortura mortale, né un attentato alla serenità dei genitori. Certo, è una cosa in più di cui occuparsi, ma è uno strumento utile per non lasciare arrugginire delle competenze che si è appena cominciato ad acquisire. Qui è particolarmente importante l’atteggiamento dei genitori, in un giusto mix di indulgenza, fermezza e volontà di collaborazione. L’ideale è che i bambini lavorino da soli, ma un po’ di supporto e la vicinanza di un adulto può essere utile per rendere più piacevole il lavoro. Anche per i bambini l’ideale è leggere qualche piccolo libro, magari insieme alla mamma o al papà, in un momento di piacevole condivisione. Una buona pratica da mettere in atto soprattutto se gli insegnanti non hanno assegnato compiti.

COME E QUANDO – Se i ragazzi sono in grado di organizzare da sé la gestione dei compiti è bene lasciarli liberi di fare come vogliono. E’ giusto però, se i figli sono stati promossi a giugno, riservare allo svago il periodo che la famiglia trascorre insieme in vacanza. La priorità in questo caso va al riposo, ai momenti di divertimento comune e alla gioia di stare tutti insieme. A fine scuola è giusto lasciare ai ragazzi un periodo completamente libero, in cui riposarsi, divertirsi e vivere la piena libertà delle vacanze. Poi, è meglio cominciare ad affrontare i compiti per tempo, suddividendo il lavoro in nodo uniforme: rimandare tutto il lavoro all’ultimo momento è controproducente quanto “togliersi il pensiero” nelle prime due settimane e poi oziare per il resto dell’estate e arrivare alla ripresa del nuovo anno senza un minimo di “pre riscaldamento”: anche in questo caso, il giusto sta nel mezzo

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali