FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Prima colazione: è meglio il tè o il caffè?

La risposta è simile alla fede calcistica: ciascuno ha la propria e per lo più non è disposto a cambiare. Ma che dice la scienza?

Prima colazione: è meglio il tè o il caffè?

C’è chi dichiara di non essere disposto neppure a dire buongiorno senza aver prima sorbito almeno un paio di tazze di caffè. Ribatte, con altrettanta convinzione chi ha bisogno di una teiera fumante per sentirsi in grado di affrontare il mondo e che un bel è il rimedio che cura ogni disagio. Si tratta di due schieramenti compatti e convinti, poco disposti a rivedere le proprie posizioni. E’ una semplice questione di gusti o una delle due bevande è effettivamente più corroborante e più salutare dell’altra? Al di là di gusti e preferenze personali, sui quali non si discute, entrambi hanno proprietà utili e qualche svantaggio: vediamo quali sono.

IL CAFFE’ - La polvere che adoperiamo per preparare la nostra tazzina si ricava dalla macinazione dei semi di alcune varietà di piante tropicali appartenenti al genere Coffea, parte della famiglia botanica delle Rubiacee. Le varietà sono moltissime, circa 100, alcune delle quali possono raggiungere la dimensione di piccoli alberi. Secondo alcuni, la parola “caffè” discende dal termine arabo “qahwa” (eccitante) poi trasformatasi nella lingua turca in “khave”, fino a giungere a noi in Europa. Secondo un’altra teoria deriverebbe dal nome della città etiope Caffa in Etiopia: in questa zona infatti il caffè cresceva spontaneamente.

Fa Bene – Come è noto, il caffè ha un effetto eccitante che ci trasmette una scossa di immediata energia e che ci rende anche più resistenti alla fatica fisica, come ben sanno, ad esempio, gli atleti ciclisti. Una tazza di espresso contiene numerose sostanze benefiche, tra cui potassio, calcio, magnesio, fosfati, solfati, oltre a vitamine e polifenoli, Il consumo di quantità moderate di caffè (fino a quattro tazzine al giorno circa), aiuta a prevenire alcune forme tumorali, in particolare al fegato del quale si riduce il rischio del 4%, e, come ha dimostrato una ricerca pubblicata dall’Institute for Scientific Information on Coffee (ISIC), riduce del 25% la probabilità di contrarre il diabete di tipo 2. La caffeina, la sostanza eccitante contenuta nella classica tazzina, ha una riconosciuta efficacia nel combattere la cellulite, tanto che questa sostanza viene spesso adoperata in linee di cosmetici contro la pelle a buccia d’arancia: associata a un buon massaggio la caffeina aiuta a drenare e rimuovere i liquidi stagnanti, a stimolare il metabolismo dei grassi e ad attaccare i depositi di tessuto adiposo localizzato.

Fa Male – Tra i principali effetti negativi del caffè dobbiamo ricordare che il suo potere eccitante può provocare tachicardia e insonnia. Il caffè fa male anche a chi soffre di reflusso e di ulcera gastrica. Per tuti gli altri vale la regola della modica quantità: meglio non superare le quattro tazzine al giorno, da consumare preferibilmente entro le ore 17.

IL TÈ – E’ la bevanda più bevuta nel mondo, dopo l’acqua. Arriva dalla civiltà cinese e consiste in un infuso o decotto ricavato dalle foglie di una pianta chiamata Camellia sinensis. A seconda della lavorazione e del grado di ossidazione delle foglie si dividono in diverse varietà, tra cui le più diffuse sono il tè nero, il tè verde, il tè oolong, il tè bianco e quello giallo.

Fa Bene - Il tè è molto ricco di flavonoidi, un gruppo di polifenoli dalla potente attività antiossidante, utile nel combattere i radicali liberi e nel prevenire l’invecchiamento e una serie di malattie. E’ ricco anche un aminoacido, la teanina, utile nel combattere alcune malattie. Contiene anche una certa quantità di caffeina: una tazza da 250 ml ne contiene circa 40 mg, più o meno metà della dose contenuta in una tazzina di espresso. Uno studio presentato al congresso dell'European Society of Cardiology ha mostrato che i forti consumatori di tè hanno un rischio di morte per cause non cardiovascolari inferiori del 24% rispetto a chi non ne beve affatto. Il tè nero ha poi un importante effetto cardioprotettivo: i bevitori di tè hanno un profilo cardiovascolare migliore rispetto a chi non ne beve. Il tè migliora anche i livelli di colesterolo nel sangue, stabilizza quelli di glicemia, è drenante e aiuta anche a perdere un po’ di peso. Infine, ha un effetto protettivo nei confronti di alcuni tipi di tumore.

Fa Male – Anche con il tè l’importante è non esagerare, ma il quantitativo “limite” è molto più elevato rispetto al caffè e arriva a otto-dieci tazze al giorno. Il tè è diuretico, e questo fa bene, ma anche astringente: per qualcuno può essere un aiuto, ma serve moderazione a chi soffre di stitichezza. Qualche cautela è richiesta anche a chi è anemico: i tannini contenuti nella bevanda possono interferire con il corretto assorbimento del ferro da fonti vegetali: meglio quindi assumerlo lontano dai pasti.

Insomma, le due bevande hanno molte virtù e qualche contrindicazione. Possiamo davvero scegliere secondo il nostro gusto, mettendo in atto, tutt’al più, qualche oculata contromisura.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali