FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Lido di Chioggia, il proprietario dello stabilimento balneare indagato per apologia di fascismo

Le indagini sono scattate dopo la segnalazione della Digos per il cartello esposto che faceva riferimento al regime mussoliniano

Lido di Chioggia, il proprietario dello stabilimento balneare indagato per apologia di fascismo

E' indagato per apologia di fascismo Gianni Scarpa, l'imprenditore balneare finito nella bufera per l'affissione di immagini e scritte che facevano riferimento al regime mussoliniano nel lido "Playa Punta Canna", a Chioggia. Le indagini a carico del proprietario del bagno sono scattate dopo la segnalazione della Digos, che aveva compiuto una serie di accertamenti sullo stabilimento balneare. "Sono pronto a difenderlo", ha affermato Matteo Salvini.

Scarpa è l'unico indagato nel fascicolo d'inchiesta in mano al procuratore della Repubblica di Venezia, Bruno Cherchi, e alla pm Francesca Crupi. "Faremo le indagini del caso - ha detto Cherchi - valuteremo la documentazione e faremo ulteriori accertamenti per poi procedere a seconda dell'esito del nostro lavoro". Il reato contestato fa riferimento all'articolo 4 della legge 645 del 1952, la cosiddetta legge Scelba. "A noi - ha concluso - non spettano valutazioni politiche sulla vicenda perché non ci appartengano".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali