FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Chioggia, chiuso stabilimento balneare per razzismo e violenze

Lʼultimo episodio risale alla sera del 3 agosto scorso: un uomo di 43 anni è stato dapprima spinto fuori dal locale e, dopo aver reagito, è stato colpito con calci e pugni da un buttafuori dello stabilimento

Atti di razzismo e violenze sotto l'ombrellone, compiuti da chi doveva proteggere la tranquillità dei bagnanti. Per questo il Questore di Venezia ha disposto la sospensione per 15 giorni della licenza allo stabilimento balneare "Cayo Blanco" di Chioggia-Sottomarina. Non solo i buttafuori malmenavano i clienti, ma c'era perfino una selezione arbitraria, all'ingresso della spiaggia, basata sul colore della pelle.

Insomma, un provvedimento cautelare, in base dell'art. 100 del testo unico di pubblica sicurezza, conseguente ad una escalation di episodi violenti e razzisti dei quali è accusato il personale di sicurezza della struttura ai danni degli avventori.

L'ultimo episodio risale alla sera del 3 agosto scorso: un uomo di 43 anni è stato dapprima spinto fuori dal locale e, dopo aver reagito, è stato colpito con calci e pugni da un buttafuori dello stabilimento. L'uomo ha riportato la frattura di perone e mascella, ed ha avuto una prognosi di 30 giorni. Nello stesso locale, qualche giorno prima, riferisce la Questura, c'era stato anche un episodio di discriminazione razziale: il personale della sicurezza aveva impedito l'accesso ad un giovane ventenne italiano di origine etiope, residente nel rodigino.

Era in compagnia di altri amici quando il personale del 'Cayo Blanco' lo aveva bloccato all'ingresso, spiegando - è quanto ha denunciato ai carabinieri - che "non potevano entrare persone con la pelle scura". La scusa sarebbe stata che nel locale c'erano stati dei furti di cui erano sospettate "persone di colore". Furti di cui però gli investigatori non hanno mai ricevuto denuncia.

Accertamenti congiunti del Commissariato di Polizia e della compagnia Carabinieri di Chioggia hanno fatto emergere altre violenza verificatisi nel locale; tra queste un'aggressione ad un avventore che aveva subito la frattura delle ossa nasali, con prognosi di 20 giorni. Fatti, sottolinea la Questura, che hanno generato un elevato allarme sociale, evidenziando "una non adeguata vigilanza del locale da parte del gestore", e minato "pericolosamente diritti costituzionalmente garantiti quali la pari dignita' sociale senza distinzione di sesso, razza, lingua e di religione", che devono essere garantiti specie da chi ha autorizzazioni di pubblici esercizi.

"Rappresentano pertanto - evidenzia il Questore - una preoccupante minaccia all'ordine e alla sicurezza pubblica, aggravata da aspetti di deriva razziale, in special modo se riferiti ad un luogo di ritrovo per un significativo numero di giovani".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali