FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Terni, ragazza stuprata in un parcheggio: arrestato un 18enne egiziano

Il giovane è un incensurato regolarmente residente in Italia. Lo stupro sarebbe avvenuto al termine di una festa in discoteca

Terni, ragazza stuprata in un parcheggio: arrestato un 18enne egiziano

Un egiziano di 18 anni, regolarmente residente in Italia, è stato arrestato dai carabinieri di Terni perché ritenuto responsabile dello stupro di una giovane compiuto la notte tra il 29 e 30 giugno, nel parcheggio del parco Chico Mendes, alla periferia della città. Fino a pochi mesi fa era stato ospite di una comunità per minori non accompagnati che si trova in provincia. Risulta incensurato e con un impiego in un bar.

La giovane, secondo quanto raccontato ai militari, aveva conosciuto il suo violentatore durante una festa organizzata presso il parco e alla quale stava partecipando in compagnia di alcuni amici. L'uomo l'ha poi convinta a seguirlo fuori dal locale per poi aggredirla, intorno alle 4 di mattina, dopo che che lei aveva rifiutato le sue avance. L'aggressore era poi fuggito e la giovane si era recata all'ospedale Santa Maria, dove la violenza era stata confermata dai riscontri dei sanitari.

La 20enne, che quando ha subito gli abusi era ubriaca, ai carabinieri aveva fornito un'accurata descrizione del violentatore e degli abiti indossati. Sono stati quindi acquisiti filmati e foto della serata, nei quali l'egiziano è stato riconosciuto. E sulla base dell'ipotesi che non fosse italiano, è stata consultata la banca dati dei permessi di soggiorno della questura, grazie alla quale i carabinieri sono riusciti a identificarlo.

Il giovane, rintracciato nel bar dove lavorava, è stato poi pedinato giorno e notte, fino a quando non è stato notato con la stessa maglietta indossata la notte della violenza. Determinanti per identificarlo anche i tabulati telefonici.

"C'è stato un riconoscimento inoppugnabile da parte della vittima, la ricostruzione della quale è stata sempre coerente, calibrata e credibile", ha detto nel corso di una conferenza stampa il procuratore capo di Terni, Alberto Liguori.

Per il procuratore lo stupro è stata la conseguenza "di una miscela esplosiva composta da alcool, gioventù, incoscienza e malvagità". Il ragazzo avrebbe infatti approfittato dello stato di alterazione della ventenne causato dall'alcol, "agganciandola" dentro al locale per poi invitarla a raggiungere insieme un vicino parcheggio e quindi abusare di lei.

"Mi ha costretto, ho paura", il messaggio che la ragazza ha inviato a un'amica pochi minuti dopo la violenza. Anche questo per gli inquirenti segnale della genuinità del suo racconto.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali