FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Foligno, bimbo nero umiliato in classe: "I compagni mi hanno difeso"

Parla lʼalunno nigeriano di 10 anni vittima di un episodio di razzismo a scuola per un "esperimento" del maestro, sospeso poi dal Miur

"I compagni mi hanno difeso, ma voglio che non succeda più". A parlare è l'alunno nigeriano di 10 anni che, nella sua classe della scuola elementare di Foligno (Perugia), è stato vittima di un episodio di razzismo. Il maestro, infatti, apostrofandolo "Brutto nero", lo aveva costretto a girarsi verso la finestra. Alla denuncia dei fatti, il supplente è stato sospeso dal Miur. Il piccolo, riferisce Il Corriere, ha apprezzato la solidarietà dei compagni.

"Mi è piaciuto vedere ragazzini e ragazzine, tutti con la pelle bianca, che si sono alzati e sono venuti vicino a me", ha raccontato il bambino alla mamma, così come riportato da Il Corriere della Sera. Mentre doveva stare immobile di fronte alla finestra, come ordinato dall'insegnante, i suoi compagni, infatti, cogliendo la discriminazione in atto, lo hanno difeso.

"Hanno detto al maestro: noi siamo uguali, noi siamo come lui, perciò anche noi siamo qui fermi alla finestra, a guardare fuori", ha proseguito il piccolo nel ripercorrere la vicenda.

"Hanno fatto bene i genitori a denunciare il maestro", è il commento delle mamme e dei papà degli altri alunni all'uscita da scuola.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali