FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Sea Watch 3, il gip non convalida lʼarresto: Carola Rackete è libera |
Il pm valuta se impugnare la decisione

Lʼattacco di Matteo Salvini: "Per la magistratura ignorare le leggi non è sufficiente per andare in galera. Nessun problema: presto la rispediamo nel suo Paese". La comandante: "Vince la solidarietà"

Il gip di Agrigento non ha convalidato l'arresto della comandante della Sea Watch 3, Carola Rackete, contrariamente a quanto aveva richiesto la Procura, che potrebbe impugnare il verdetto. La 31enne dunque torna libera, ma rimane indagata. Immediata la reazione di Salvini: "Per la magistratura ignorare le leggi e speronare una vedetta della Gdf non sono motivi per andare in galera. Nessun problema: pronto un provvedimento per rispedirla nel suo Paese".

Per il ministro dell'Interno la Rackete "è pericolosa per la sicurezza nazionale". Per questo la capitana "tornerà nella sua Germania, dove non sarebbero così tolleranti con una italiana che dovesse attentare alla vita di poliziotti tedeschi". "L'Italia ha rialzato la testa - ha poi continuato -. Siamo orgogliosi di difendere il nostro Paese e di essere diversi da altri leaderini europei che pensano di poterci trattare ancora come una loro colonia. La pacchia è finita". "Dalla giustizia mi aspettavo pene severe per chi ha attentato alla vita di militari italiani, evidentemente sbagliavo", ha sottolineato il vicepremier, che ha definito la Rackete una  "ricca fuorilegge".

Per il gip la comandante ha agito in adempimento di un dovere - La scelta del gip di Agrigento di non convalidare l'arresto si basa sull'impossibilità della comandante della Sea Watch 3 di poter attraccare in altri porti. Per il giudice infatti Carola Rackete non ha deciso in maniera strumentale di dirigersi a Lampedusa, ma è stata obbligata poiché gli scali della Libia e della Tunisia non erano sicuri. L'indagata avrebbe quindi agito in adempimento di un dovere: è per questo motivo il magistrato ha deciso di far cadere l'accusa di resistenza a pubblico ufficiale. Inoltre il reato di resistenza a nave da guerra, contestato dalla Procura, non sussisterebbe in quanto la motovedetta della Finanza speronata dall'imbarcazione della Ong non sarebbe una nave da guerra.

"Il dl Sicurezza bis non vale per i soccorsi" - Per il giudice il decreto legge Sicurezza bis "non è applicabile alle azioni di salvataggio in quanto riferibile solo alle condotte degli scafisti".

Salvini: "Mi vergogno per i magistrati" - Salvini è tornato via Facebook a commentare la notizia criticando fortemente la scelta del giudice. "Non ho parole. Cosa bisogna fare per finire in galera in Italia? Mi vergogno di chi permette che in questo Paese arriva il primo delinquente dall'estero e disubbidisce alle leggi e mette a rischio la vita dei militari che fanno il loro lavoro". "Se stasera una pattuglia intima l'alt su una strada italiana chiunque è tenuto a tirare diritto e speronare un'auto della polizia. Pessimo segnale signor giudice", ha attaccato.

Prefetto firma il provvedimento per l'espulsione - Intanto la prefettura di Agrigento ha firmato il provvedimento di allontanamento di Carola Rackete dall'Italia. La misura dovrà essere convalidata dall'autorità giudiziaria. La comandante non potrà comunque essere rimpatriata prima del 9 luglio: giorno in cui il pm interrogherà la 31enne, che è indagata per favoreggiamento dell'immigrazione clandestina.

Carola Rackete: "Vince la solidarietà" - Poche ore dopo la decisione del gip anche Carola Rackete ha commentato la scarcerazione: "Sono sollevata dalla decisone del giudice che interpreto come una grande vittoria della solidarietà con tutte le persone che si stanno spostando inclusi i rifugiati, i migranti e i richiedenti asilo e contro la criminalizzazione degli aiuti in molti Paesi dell'Europa", ha detto. "Sono molto emozionata per la solidarietà espressa nei mie confronti da molte persone", ha aggiunto ringraziando tutto il personale della Ong e l'intero team di legali.

Legali Rackete: "Ripristinato primato diritto" - Entusiasti anche gli avvocati della comandante della Sea Watch. "Il provvedimento del gip di Agrigento ripristina il primato del diritto rispetto a quello della forza", hanno sottolineato Alessandro Gamberini, Salvatore Tesoriero e Leonardo Marino, per i quali la decisione dimostra "l'illegittimità della pretesa di chiudere i porti da parte del ministro dell'Interno", e fa prevalere "l'incolumità della vita rispetto all'arbitrarietà di scelte operate solo per motivi propagandistici".

La Ong esulta: "La nostra Carola è libera" - "Il gip di Agrigento non ha convalidato l'arresto di Carola Rackete e non ha disposto nei suoi confronti nessuna misura cautelare. La nostra Carola è libera!". Lo ha scritto la Ong Sea Watch via Twitter. - "Siamo sollevati - ha spiegato la Ong - dal fatto che il nostro capitano sia libero! Non c'era motivo per lei di essere arrestata, dato che aveva solo fatto una campagna per i diritti umani nel Mediterraneo e assunto responsabilità laddove nessun governo europeo lo aveva fatto".

Fico: "Rispettare sempre le decisioni dei giudici" - Dopo la decisione del giudice di Agrigento di liberare Carola Rackete il presidente della Camera Roberto Fico ha invitato a rispettare le decisioni dei giudici. " Le decisioni della magistratura vanno sempre rispettate. Sia quando piacciono sia quando non piacciono. Questo è il senso della divisione e dell'indipendenza dei poteri dello Stato", ha detto Fico.

Il pm Patronaggio: "Materia sconta tensioni politiche" - "La richiesta di convalida dell'arresto di Carola Rackete è stata respinta: si evince quanto sia difficile muoversi in una materia che sconta forti tensioni politiche in cui qualsiasi decisione uno prenda ha sempre paura di sbagliare". Lo ha detto il procuratore di Agrigento, Luigi Patronaggio, ascoltato in commissione Antimafia.

"Valuto se impugnare la decisione" - Il pm ha aggiunto che "occorre leggere le motivazioni. Poi sì valuterà un'eventuale impugnazione". "Il nostro punto di vista era diverso - ha spiegato -. Per noi era necessitata l'azione di salvataggio e non era necessitata invece la forzatura del blocco, che riteniamo un atto un po' sconsiderato nei confronti della vedetta della Guardi di Finanza. E' evidente però che si rispettano le decisioni dei giudici".

Di Maio sorpreso dalla scarcerazione - Per il vicepremier Luigi Di Maio la scarcerazione è stata una sorpresa: "Io ribadisco in questo caso la mia vicinanza alla guardia di finanza. A ogni modo - ha affermato - il tema è la confisca immediata dell'imbarcazione. Se confischiamo subito la prossima volta non possono tornare in mare e provocare il nostro Paese e le nostre leggi".

Sea Watch: annullata audizione alla Camera - E' stata annullata l'audizione della Sea Watch alle commissioni Giustizia e Affari costituzionali della Camera nell'ambito dell'esame del decreto Sicurezza bis. La decisione è stata presa dalla presidente della commissione Giustizia, Francesca Businarolo (M5s), e comunicata all'ufficio di presidenza delle commissioni congiunte, presso il quale si è aperto un dibattito.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali