FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Femminicidio a Siracusa, prima applicazione della nuova legge: i beni del padre andranno ai figli orfani

Il gip ha disposto il sequestro preventivo dei beni dellʼassassino di Laura Petralito: ai piccoli rimasti senza madre spetta un milione

Femminicidio a Siracusa, prima applicazione della nuova legge: i beni del padre andranno ai figli orfani

La legge per i figli delle vittime di femminicidio ha avuto la sua prima applicazione a Siracusa dove il gip Andrea Migneco ha accolto la richiesta della procura di disporre il sequestro conservativo dei beni mobili e immobili, per il valore di un milione di euro, di Paolo Cugno, il bracciante agricolo di 27 anni che il 17 marzo ha ucciso la compagna, Laura Petralito, a coltellate. La giovane, di 20 anni, ha lasciato due figli, una bimba di 10 mesi, avuta con Cugno, e un bimbo di 3, avuto da una precedente relazione andata male.

"Abbiamo chiesto e ottenuto il sequestro conservativo dei beni dell'indagato applicando la nuova legge - ha affermato il procuratore Francesco Paolo Giordano -, è di molto inferiore a quella cifra che il giudice ha indicato come la somma che dovrebbe assicurare il futuro dei bambini di laura se e quando la condanna del suo compagno diventerà definitiva". Paolo Cugno è infatti un bracciante agricolo, ora rinchiuso nel carcere dopo la confessione.

Già dopo la condanna di primo grado i giudici potranno disporre una provvisionale del 50 per cento in favore dei bambini, come scrive Repubblica. "Ma come dice la legge approvata poco dopo l'omicidio di Laura, a piccoli dovrà essere garantito il diritto allo studio e poi l'avviamento al lavoro, attingendo dal fondo di due milioni di euro finora riservato alle vittime di mafia e terrorismo". Inoltre quando saranno maggiorenni se lo vorranno potranno cambiare il loro cognome.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali