FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Enna, uccide lʼex moglie con un colpo di pistola e poi si costituisce

Lʼomicida è Filippo Marraro, titolare di un autolavaggio. "La vendetta più è fredda, più si gusta", ha scritto su Facebook

Femminicidio a Catenanuova, nell'Ennese, dove un 40enne ha ucciso l'ex moglie con un colpo di pistola. L'uomo, Filippo Marraro, titolare di un autolavaggio, si è poi costituito presso la caserma dei carabinieri. La vittima è Loredana Calì, 40 anni, ed è stata trovata morta nella campagna di proprietà della madre. "La vendetta più è fredda, più si gusta", ha scritto Marrano su Facebook.

Sul profilo social, nella colonna di presentazione, Marrano ha anche scritto di essere "vedovo" e un "disoccupato ben organizzato". E' stato l'ex marito della vittima a chiamare i carabinieri e a indicare il luogo dell'omicidio. La coppia si era separata la scorsa estate e ha due figli, l'uomo ne ha un terzo da un precedente matrimonio.

Marraro aveva dato appuntamento alla ex, ma quando è arrivato ha estratto la pistola e ha sparato. Pare che in passato l'uomo si fosse reso responsabile di atti di violenza nei confronti della donna, che però non l'aveva mai denunciato.

Il messaggio all'amico: "L'ho uccisa, scusatemi" - "Buongiorno, Peppe Click. Mi dispiace per il raduno. Non posso venire più: ho ucciso mia moglie. Mi dispiace". Filippo Marraro ha affidato la sua confessione a un messaggio vocale inviato a un amico di Agrigento, Peppe Nobile, da tutti conosciuto come "Click", il nome del suo negozio di informatica. Pare che l'assenza forzata fosse per lui un cruccio impellente. E per questo alle 9 di mattina ha mandato all'amico un messaggio per spiegare l'imprevisto e per scusarsi. Con un finale drammatico: "Addio, addio a tutti. Scusatemi di tutto".

Nobile non credeva al contenuto del messaggio: "Filippo era una persona educata, socievole, affettuosa. Un amicone". Ha subito sperato che fosse un "pesce d'aprile". Ma, riascoltando l'audio, è stato colto da un sospetto: il tono della comunicazione era un po' alterato. Facile collegarlo a una recente confidenza: "Mia moglie mi ha lasciato". E' subito andato in questura, gli è stato chiesto di chiamare il 113 ed è partito l'allarme. "Speravo che fosse una richiesta di aiuto". Mezz'ora dopo un operatore delle forze dell'ordine lo ha invece chiamato: "E' tutto vero".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali