FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Si taglia un dito in crociera, sviene sulle scale, batte la testa e muore 5 giorni dopo. La fidanzata: "Ritardi nei soccorsi"

Matteo Sartori, 33 anni, si era procurato una piccola ferita durante la cena. La coppia avrebbe dovuto sposarsi a breve

Si taglia un dito in crociera, sviene sulle scale, batte la testa e muore 5 giorni dopo. La fidanzata: "Ritardi nei soccorsi"

"Io e Matteo stavamo per sposarci. Sono passata dall'organizzazione delle nozze a quella del suo funerale. E’ un qualcosa di inconcepibile". E' disperata, Sonia Mercato, costretta a ricordare la terribile conclusione della vacanza passata in crociera al largo delle coste albanesi con il compagno, Matteo Sartori, morto per una serie di fatalità. I due fidanzati stavano mangiando in occasione dell'ultima cena prevista dal giro in nave che avevano programmato quando Matteo, alle prese con un crostaceo, si è procurato un piccolo taglio. Subito la decisione di andare in cabina per mettere un cerotto: Matteo, però, soffriva di emofobia, alla vista del sangue rischiava l'immediato svenimento. Sulle scale della nave da crociera, sviene e batte la testa. Dopo cinque giorni drammatici, muore. E Sonia, disperata, è anche piena di rabbia: "I soccorsi sono arrivati tardi".

La vicenda ha ancora diversi contorni poco chiari. Di sicuro Matteo, cadendo, ha battuto violentemente la testa; inevitabile un vasto ematoma al cranio e la perdita di conoscenza. Assistito dal personale medico di bordo, il suo quadro clinico era apparso subito molto grave con il capitano costretto a richiedere l’intervento d’urgenza di un elicottero del soccorso albanese. Non essendoci a disposizione un mezzo idoneo per il volo notturno, la nave si è diretta verso il porto di Durazzo da dove è partita anche una motovedetta per il trasporto sanitario. Nella notte, l'arrivo a Tirana dove, una volta intubato, è rimasto in rianimazione per quasi tre giorni. Poi, il trasferimento all'ospedale Sant'Antonio di Padova con un volo che ha fatto scalo a Brescia. Sartori, giunto in Italia in condizioni ormai disperate, è deceduto 48 ore più tardi senza essersi mai ripreso.

La disperazione di Sonia è tanta. Ma (forse) non quanto la rabbia. "In Albania non hanno le attrezzature per affrontare questo tipo di emergenze. Non sono riusciti a venire a prendere Matteo con un elicottero ed è stato perso troppo tempo - le parole della donna -. Siamo stati lasciati in balia di noi stessi e del mare. Lui era una persona splendida, benvoluta e apprezzata. Da quando è successa la disgrazia non riesco più a dormire nella nostra casa e mi sono trasferita dai miei genitori. Abbiamo donato gli organi, per la data dei funerali è ancora presto".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali