FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Reggio Emilia, in Comune bagni anche per i trans | Nei questionari Asl spunta il sesso "altro"

La città emiliana è la prima in Italia a firmare un protocollo contro le discriminazioni di genere

Reggio Emilia, in Comune bagni anche per i trans | Nei questionari Asl spunta il sesso "altro"

Bagni per i trans e questionari Asl con la casella "altro" per indicare il sesso oltre a "femmina" e "maschio". Sono due delle novità introdotte dal protocollo contro le discriminazioni di genere firmato a Reggio Emilia da Comune, Asl, Arcigay, Provincia, tribunale, istituti penali, università Unimore, ufficio scolastico territoriale, istituto scuole e nidi d'infanzia, Fondazione per lo Sport e la fondazione Mondinsieme.

Come scrive il Resto del Carlino, in questo modo Reggio Emilia diventa modello anti discriminazione per l'orientamento sessuale e l'identità di genere.

"Siamo grati alle istituzioni e gli enti che hanno capito l’importanza dell’inclusione concreta delle persone Lgbti, per inviare segnali positivi che incoraggino il coming out tra gli utenti e prima ancora tra i propri lavoratori e lavoratrici", ha affermato Alberto Nicolini, presidente provinciale di Arcigay.

"Auguriamo a tutte e tutti noi di essere all'altezza dell’esperienza di un impegno concreto a tutto tondo, dall’accoglienza delle coppie di genitori gay e lesbiche negli asili che già ci sono a Reggio Children fino alle carceri che aprono le porte alle associazioni che vogliono portare sostegno alle persone ospitate nella sezione trans regionale a Reggio", ha aggiunto.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali