FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Reddito cittadinanza, il social manager Inps "blasta" gli utenti molesti: "Avete tempo per i selfie ma non per chiedere il pin?"

Sulla pagina "Inps per le famiglie" arrivano i dubbi più disparati. E qualche volta i social manager non vanno per il sottile

Ci sono quelli che hanno dubbi concreti e di conseguenza cercano risposte alle loro domande anche attraverso i social, uno strumento diretto alla portata di tutti. Poi ci sono anche i troll (disturbatori seriali) e quelli hanno problemi con l'educazione: e a questi i social manager del sito Inps per la famiglia non dedicano molta delicatezza. E così le risposte ai dubbi, soprattutto legati al reddito di cittadinanza, diventano virali. E a chi si lamenta dell'importo assegnato arriva il consiglio di rivolgersi ai politici eletti. Ecco una carrellata dei più esilaranti.

LʼInps blasta gli utenti molesti del reddito di cittadinanza

E dopo il clamore della notizia è arrivato l'intervento ufficiale con un post di scuse da parte della pagina "Inps per la famiglia": "Cogliamo l’occasione per scusarci con quanti possano essersi sentiti toccati od offesi da alcune nostre risposte". Tra gli utenti si è anche diffusa la notizia secondo la quale il social manager sarebbe anche stato cacciato ma sono stati proprio i gestori della pagina a smentire: "Tranquilli, nessuno verrà licenziato".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali