FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Canosa di Puglia, disabile difende fratello da una rapina: pestato a sangue da una gang

La brutale aggressione avvenuta durante la festa patronale: nessuno è intervenuto a difenderlo

Canosa di Puglia, disabile difende fratello da una rapina: pestato a sangue da una gang

Un 25enne, affetto da una disabilità all'udito, è stato picchiato a sangue da un gruppo di una decina di ragazzi perché intervenuto in difesa di suo fratello minore cui era stato rubato il cellulare dallo stesso gruppo. Il fatto è accaduto a Canosa di Puglia dove i due fratelli, che sono di Cerignola (Foggia), erano andati per la festa patronale. La vittima non è stata aiutata da nessuno, solo l'intervento di due vigilantes ha evitao il peggio.

Ora il ragazzo è ricoverato all'ospedale di Barletta dove ha gia' subito un intervento per la rottura del setto nasale. Per il pestaggio ha riportato lesioni al viso, a un occhio, alla spalla e a un piede per lui la prognosi è di 30 giorni.

Secondo quanto ricostruito dalla vittima e dalla polizia che è intervenuta, il fratello minore del ragazzo ha cercato di opporsi ai ragazzi che gli avevano rubato il cellulare. Questi lo hanno quindi aggredito e il fratello maggiore è intervenuto in sua difesa. Il gruppo si è quindi accanito su di lui, senza che alcuno intervenisse. Sono stati due vigilanti e poi gli agenti del locale commissariato a metterlo in salvo. Le indagini proseguono per identificare i responsabili del pestaggio, che si sono dileguati.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali