FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Violenze ed estorsioni, arrestati i capi ultrà della Juventus: ricattavano il club dopo la revoca dei privilegi | Il questore di Torino: "Match con il Verona a rischio"

Oltre 40 gli indagati nellʼinchiesta "Last banner", perquisizioni in diverse città italiane. Coinvolti Drughi, Tradizione-Antichi valori, Viking, Nucleo 1985 e Quelli... di via Filadelfia. Finta la contestazione a Bonucci: era un pretesto

Blitz della polizia nella curva della Juventus: i capi e i principali referenti dei gruppi ultrà sono stati arrestati in un'indagine della procura di Torino, 12 misure cautelari. Le accuse, a vario titolo, associazione a delinquere, estorsione aggravata, autoriciclaggio e violenza privata. L'indagine, denominata "Last banner", è partita da una denuncia della Juve, ricattata perché aveva tolto agli ultrà alcuni privilegi. I tifosi avevano anche inventato false contestazioni (come quella a Bonucci) per far multare la società.

Sei in carcere, quattro ai domiciliari e due con obbligo di dimora - Sei dei coinvolti nell'inchiesta sono finiti in carcere, altri quattro ai domiciliari mentre due hanno obbligo di dimora. Gli indagati sono Geraldo Mocciola di 56 anni, Salvatore Cava di 51 anni, Sergio Genre di 43 anni, e Luca Pavarino di 51 anni, tutti del gruppo Drughi. Facenti parte di "Tradizione - Antichi valori" sono Umberto Toia di 54 anni, Massimo Toia di 54 anni e Corrado Vitale di 45 anni. Dei Viking indagati Fabio Trinchero di 48 anni e Roberto Drago di 47. Gli ultimi indagati sono Cristian Fasoli di 42 anni appartennte al gruppo "Nucleo 1985" e Giuseppe Franzo, 55enne leader del gruppo "Quelli di via Filadelfia".

Altri 25 sono denunciati - Nell’ambito della medesima indagine sono stati stati denunciati 25 ultrà della Juventus per violenza privata aggravata in concorso, di cui 17 dei “Drughi”, 2 dei “NAB”, uno dei “Viking”, uno di “Tradizione” e quattro dei “Drughi” (quest’ultimi anche per associazione a delinquere).

"Quella dei Drughi era un'organizzazione di tipo militare: le persone, anche più fidate, venivano allontanate se non rispondevano alle indicazioni del capo indiscusso Dino Mocciola. Queste sono persone che fanno della violenza uno stile di vita. Il tifo è un pretesto. Nemmeno la presenza dei bambini li fermava", ha detto il procuratore aggiunto Patrizia Caputo che, assieme al magistrato Chiara Maina, ha coordinato l'inchiesta sui gruppi ultra' bianconeri.

Capi ultrà ricattavano la Juve: ecco le intercettazioni

Secondo gli inquirenti, grazie alla complicità di alcune ricevitorie, i capi dei più importanti gruppi ultras della Juventus distribuivano illegalmente biglietti per entrare allo stadio. I leader della curva avrebbero anche strutturato una "capillare strategia criminale" per ricattare la società bianconera.

Durante l'indagine sarebbero emersi "incontrovertibili elementi probatori" nei confronti degli arrestati, responsabili di una "precisa strategia estorsiva" nei confronti della Juventus. In sostanza, la decisione della società bianconera al termine del campionato 2017-18 di togliere una serie di privilegi ai gruppi ultrà ha scatenato la reazione dei leader storici delle varie sigle, che si sono dati da fare con ogni mezzo per riavere quei vantaggi che erano stati loro tolti e per affermare la loro posizione di forza nei confronti della società.

La protesta contro Bonucci era un segnale alla società - I capi ultrà dopo aver avanzato illecite richieste (biglietti gratuiti, materiale della Juventus, partecipazione ad eventi etc.), essendo consapevoli dei connessi risvolti penali, hanno convenuto, strategicamente, di iniziare una campagna denigratoria e di contestazione verso la Juventus (che ha portato all’irrogazione da parte della giustizia sportiva di sanzioni pecuniarie e alla chiusura della curva sud per una gara di campionato) ricollegandola, pretestuosamente, all’aumento dei costi degli abbonamenti ed al rientro in squadra di Bonucci. In tale contesto, la società sportiva, al fine di evitare ripercussioni e danni di immagine, ha dovuto garantire circa 300 biglietti a pagamento per le gare in trasferta di campionato e di Champions League che sono stati poi in parte redistribuiti dai capi ultrà ricavando indebiti profitti (autoriciclaggio).

Le minacce ai bar dello stadio e agli altri tifosi - E' stata inoltre accertata la capillare attività dei “Drughi” per recuperare (a prezzo di costo) centinaia di biglietti di accesso allo stadio per le partite casalinghe della Juventus, avvalendosi di biglietterie compiacenti. Non solo: i capi ultras dei “Drughi” e di “Tradizione” hanno utilizzato la propria forza intimidatrice anche per ottenere indebitamente dai bar dello stadio 25 consumazioni gratuite per ogni partita casalinga. Le indagini hanno altresì evidenziato come la “strategia estorsiva” sia stata attuata anche esercitando “pressioni” sui frequentatori “normali” della curva che hanno “dovuto” attenersi ai divieti “imposti” dai capi ultrà di “non” intonare cori e slogan durante le partite al fine di far percepire (anche ai mass media) un “clima ostile” verso la società, evidenziando, nel contempo, anche la loro capacità di condizionare il “tifo” di tutta la curva sud dell’Allianz Stadium.

Il questore di Torino: "Juve-Verona a rischio, sono prevedibili reazioni" - "Quella di sabato era una partita già attenzionata. Sono due tifoserie con ideologie differenti. Ora aumentano i rischi perché sono prevedibili reazioni". Così il questore di Torino, Giuseppe De Matteis, in vista di Juventus-Verona, che si disputerà all'Allianz Stadium, prima gara di campionato dopo l'azzeramento dei vertici dei gruppi ultrà juventini.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali