FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Torino, 20mila "Babbi Natale" davanti allʼospedale infantile Regina Margherita

Lʼiniziativa di beneficenza per finanziare lʼupgrading della Risonanza Magnetica. Lʼobiettivo? Raccogliere 500mila euro

Numeri da record per l'evento benefico organizzato da Forma Onlus per i bambini del "Regina Margherita" di Torino. Migliaia di barbe bianche, con tanto di cappelli e costumi rossi si sono ritrovati davanti all’ospedale infantile per l’annuale raduno dei "Babbi Natale" più grande d’Italia. Si tratta di un’iniziativa benefica promossa da Forma Onlus che quest'anno sembra aver raggiunto la cifra record di 20mila partecipanti.

Obiettivo del maxiraduno è raccogliere almeno 500mila euro per finanziare l'upgrading della Risonanza Magnetica dell'ospedale. Oltre ai "Babbi Natale" anche alcuni volontari vestiti da supereroi: "Ci siamo vestiti così per portare un sorriso a questi bambini anche se alla fine i veri supereroi sono loro", dice uno dei volontari.

"Voglio ringraziare tutte le persone che sono qui oggi perché ci dicono e ci dimostrano che questa è una città solidale. Questo è motivo di orgoglio per l’intera comunità che ho l’onore di rappresentare", ha invece dichiarato la sindaca Chiara Appendino presente all’evento assieme al governatore Sergio Chiamparino.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali