FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Delitto Murazzi, la notizia della condanna di Said fu mandata a un legale sbagliato

Oltre allo stallo nellʼesecuzione della sentenza del 27enne accusato dellʼomicidio di Stefano Leo a Torino, ci fu anche un errore di notifica delle carte processuali

Delitto Murazzi, la notizia della condanna di Said fu mandata a un legale sbagliato

Non ci fu solamente uno stallo nell'esecuzione della sentenza di Said Mechaquat, il 27enne accusato dell'omicidio di Stefano Leo a Torino, in riva al Po il 23 febbraio. Ci fu anche un errore di notifica delle carte processuali. Said, infatti, era stato condannato in via definitiva a 18 mesi di carcere per maltrattamenti in famiglia. Ma la notizia non fu comunicata al suo legale d'ufficio bensì a un altro avvocato che non aveva mai assunto l'incarico.

La sentenza era diventata definitiva perché la Corte d'appello, su richiesta dell'avvocato generale Giorgio Vitari, nell'aprile del 2018 aveva dichiarato "inammissibile" il ricorso in appello.

La notizia non fu comunicata al suo difensore dell'epoca (un legale d'ufficio) ma a un altro avvocato, Basilio Foti, indicato evidentemente dallo stesso Said. Foti però non aveva mai assunto l'incarico e, peraltro, con il giovane non era mai entrato direttamente in contatto. Ora l'avvocato Foti assiste Said nel procedimento per omicidio. Nei giorni scorsi, visto il difetto nella notifica, ha chiesto al tribunale di Torino di dichiarare la "non esecutività" della sentenza di condanna.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali