FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Non affitta ai meridionali, Salvini: "Leghista? La signora è una cretina"

Il segretario della Lega ha risposto a distanza alla locatrice che ha negato la casa a una pugliese. La donna si è poi scusata e non sarà avviata alcuna azione legale

"La signora che non affitta ai meridionali? E' una cretina". Sconfessa così Matteo Salvini la "leghista razzista al 100%" che ha negato il suo appartamento in provincia di Milano a una 28enne pugliese. Il segretario della Lega, a margine dell'Assemblea degli amministratori locali del Carroccio, ha risposto a distanza alla locatrice che negli audio-shock diffusi sui social network motiva il suo diniego definendosi una "salviniana": "Non ho il piacere di conoscerla ed è lontanissima dal mio pensiero".

In precedenza, di fronte alla possibilità di diffondere sui social i messaggi vocali ricevuti la risposta della milanese era stata: "Mi raccomando, scriva e pubblichi che sono salviniana, sto con Matteo, con il capitano". Poi la marcia indietro.

Il caso dell'affitto negato a una giovane foggiana prima aveva fatto il giro dei social network e poi era stato diffuso sui principali media nazionali. La polemica politica che si era innescata e che seguiva la minaccia dell'inquilina mancata di "farle causa", ha costretto, a fine giornata, la locatrice a chiedere scusa.

A chiudere definitivamente il caso è stata, con un lungo post su Facebook, Laura Ortolani, la compagna della ragazza a cui è stato negato l'affitto: "La signora Patrizia ci ha privatamente e pubblicamente chiesto scusa - si legge -. Nonostante le basi per avviare un'azione legale ci siano, non essendo noi persone rancorose e non avendo né tempo né voglia di protrarre tutto questo, abbiamo deciso di non intraprendere nessuna azione nei confronti della signora. Questo non significa che abbiamo dimenticato o che abbiamo perdonato, ma che abbiamo semplicemente accettato le sue scuse". "Riteniamo che le discriminazioni di qualsiasi natura siano inaccettabili - prosegue -. Questo non è un fatto politico, ma un fatto umano".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali